ASCOLI PICENO – Una nuova ordinanza di arresto, l’ennesima, per Giancarlo Niccolò Virgutto, 23 anni, di Fiano Romano. Questa volta è nei guai perché ritenuto l’autore, insieme ad un altro complice non ancora identificato, della rapina avvenuta alla Carisap di Monsampolo del Tronto, il 27 aprile del 2012. Erano le 9 del mattino, quando compì un vero e proprio assalto alle casse della banca, a volto scoperto e con in mano un taglierino ben appuntito con il quale minacciò gli addetti.

Trascorsi alcuni minuti, la tensione raggiunse il culmine e i due, dopo aver trafugato un bottino di circa 1000 euro, si diedero alla fuga facendo perdere le proprie tracce. Nessun ferito, ma solo tanta paura tra i presenti.

“L’arresto è stato notificato a Virgutto ieri sera – spiega il Capitano Roberto D’Ortona, del Nucleo Investigativo dei Carabinieri di Ascoli Piceno –  alla “Casa di Reclusione” di Massa Carrara, dove è attualmente detenuto con l’accusa di aver commesso reati analoghi in gran parte del territorio nazionale.  Siamo riusciti a risalire a lui grazie ad un’accurata attività di indagine, portata a termine grazie ai rilievi tecnici eseguiti sul posto, ma soprattutto grazie all’esame delle immagini dell’impianto di videosorveglianza della banca. Con lui c’era un altro complice che non è stato ancora identificato”.

Virgutto,  nipote di un componente storico della banda della Magliana, considerata la più potente organizzazione criminale autoctona che abbia mai operato nella città diRoma a partire dagli anni settanta,  per diverso tempo ha seminato il panico in gran parte del territorio nazionale, a partire da Roma, fino a diverse città del nord nord-est, mettendo a segno diversi colpi.

Accusato di altre rapine nel veronese, il ventitreenne di Fiano Romano venne arrestato, assieme al padre, all’inizio del settembre scorso per una rapina a Modena; e in uno di questi assalti venne tradito da una traccia di sangue lasciata su una distinta di pagamento e dai suoi vistosi tatuaggi sul collo: una coda di rondine e un tribale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 798 volte, 1 oggi)