ASCOLI PICENO – Il Gip Carlo Calvaresi ha convalidato il fermo di un ventitreenne, arrestato sabato scorso dai Carabinieri della Stazione di Villa Sant’Antonio di Castel di Lama. Il giovane, difeso dall’avvocato Tatiana Traini, è accusato di estorsione aggravata ai danni del suo datore di lavoro.

I fatti risalgono a sabato scorso, quando il ragazzo, dipendente di una ditta di trasporti della zona industriale di Castel di Lama, è stato licenziato per giusta causa dal suo datore di lavoro. Il ventitreenne, che già in passato era stato sanzionato dal titolare della ditta con numerose lettere di richiamo per episodi di inadempienza nello svolgimento delle proprie mansioni, dopo aver contestato il licenziamento, decide di appropriarsi illecitamente di un furgone di proprietà dell’azienda.

Qualche ora dopo, alcuni impiegati si accorgono della sottrazione del mezzo e fanno scattare l’allarme. Dopo pochi minuti – secondo la ricostruzione dei Carabinieri -l’operaio licenziato si mette in contatto telefonico con il suo datore di lavoro, riferendogli di avere con se il mezzo, e pretendendo la somma di 1500 euro per la sua restituzione. In caso contrario lo avrebbe dato alle fiamme.  Non contento, dopo qualche minuto, il giovane decide di rimettersi in contatto con il titolare della ditta, minacciando di compiere un vero e proprio attentato incendiario ai danni degli uffici  e dei mezzi, nel caso non avesse acconsentito alla sua richiesta di danaro.

A quel punto il titolare dell’azienda decide di raccontare tutto ai Carabinieri di Castel di Lama, esponendo i fatti al Comandante Belardinelli, il quale organizza subito un’imboscata per cercare di cogliere il giovane in flagranza di reato. La trappola è scattata subito, e l’imprenditore  fissa un appuntamento con il suo ex dipendente per acconsentire alla sua richiesta, concordando, inoltre, l’ora ed il luogo dell’appuntamento per la consegna del danaro.

I due si incontrano e, nel momento stesso in cui avviene il passaggio di mano dei soldi, intervengono i Carabinieri in abiti civili, coordinati dal Capitano De Luca della Compagnia di Ascoli, che si erano precedentemente appostati li vicino. La brillante operazione, portata a termine dai militari della stazione dei Carabinieri di Villa S.Antonio di Castel di Lama, si è conclusa con l’arresto del giovane e con il recupero dell’intera somma. 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 662 volte, 1 oggi)