ASCOLI PICENO – Con questo articolo inauguriamo una rubrica di PicenoOggi.it dedicata alle poesie in dialetto ascolano.
Quella che segue è di Giulia Civita, intitolata “Li ruette”. Al termine una piccola biografia dell’autrice.

Li ruette

Uoja tènghe nu cò de tièmpe

e me ne vògghie ji come quanne

era fantélletta a famme na

passeggiata jo la ruetta.

Me ne vade rrète li Mierghie

che sta sopra lu Trunte.

Prima d’arrevà

p’addre rue deve passà.

E cammine e ncontre

rua del gufo

e me pare de vedé lu gufe

rua delle stelle

e vede lu ciéle che li stelle

rua della notte

stretta e scura

la vede e me fa venì paura

e quanne gire lu meritte

revede a te che

sive pecculitte e velesse

ancora datte nu vacitte

su lu mesitte.

E revede su la sediola

pure la vecchietta

che sta a cucì

la guarnelletta

dice “figghia se l’aghe

m’aiute a nfelà

nu marite bielle e ricche

puozze trevà”.

Lu marite ricche e bielle

nen lu so trevate

ma forse de più

so guadagnate.

Tutte sti cose me dice

li mura de sta bella

città miè.

P’attraversalla tutta

pure pe’sti ruette

pozze passà.

Mò me deve i viè

ma pe’ segnà

e campà

nandre dì

ce pozze revenì.

 

La poetessa dialettale Giulia Civita nasce ad Ascoli Piceno in rua  della Colonna, una rua traversa di via delle Torri nel centro storico. Figlia del Primo Cavaliere della Quintana, Luigi Civita, vincitore Olimpionico nel 1960, in sella a Zorro, quando la manifestazione della Quintana ascolana partecipò alle Olimpiadi di Roma.

Con la poesia “Le ruette” vuole invitare chi legge ad una passeggiata ideale atteraverso le rue che sono la seconda via segreta della città.

La poesia è stata pubblicata al Festival dei Dialetti Marchigiani di Varano “Paese dei Dialetti”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.714 volte, 1 oggi)