Per il video clicca in basso a destra. Riprese di Emanuela Voltattorni

OFFIDA – “Il  Carnevale di Offida è folklore più che storico, è sacro e immortale è una festa che viene dal popolo” con le parole del  Serenissimo Gran Tropeo e Fondatore storico, Marco Mercolini Tinelli, fondatore storico della Congrega del Ciorpento, si apre ufficialmente la settimana del Carnevale offidano.

Nel giorno di Giovedì Grasso il sindaco, Valerio Lucciarini, ha consegnato tra battute, risate e la proverbiale goliardia, le chavi della Città alla Congrega de La Guazza, che sarà alla guida di Offida per tutto il Carnevale.

Questa tradizione, iniziata nel 1986, diciamoci la verità (ci concediamo anche noi una briciola di ilarità, Offida non ce ne voglia! ndr) permette a tutte le cariche istituzionali offidane, di godersi liberamente l’amato carnevale.

L’8  febbraio, sarà il giorno dell’indiscusso protagonista del carnevale, Lu Bov Fint.

L’uscita è  prevista per  14  e si consiglia di indossare lu guazzarò,  la tipica veste carnascialesca offidana.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.276 volte, 1 oggi)