ASCOLI PICENO – In partite del genere è difficile capire quanto sia il merito della squadra uscita vincente e quanto, invece, le colpe di quella sconfitta. Dopo aver sofferto pochissimo fino all’espulsione di Peccarisi, l’Ascoli è crollato piano piano fino al patatrac finale. Alla fine il migliore in campo è sempre lui: Simone Zaza. Peccato che dietro, a parte Maurantonio, c’è il baratro. Se la cava Fossati, mentre Pasqualini e Scalise calano alla distanza insieme a Prestia e Faisca. Qualcuno addossa già le prime imputazioni al tecnico: perché non mantenere le due punte anche dopo l’inizio del secondo tempo, facendo entrare Soncin? O, perché non mettere prima un difensore? Facile parlare a posteriori. L’unica certezza è che questa partita ha molto da insegnare, specie se hai una difesa contata in rosa, metà della quale assai giovane. Sbagliando s’impara.

MAURANTONIO 7: Tre dei quattro gol li subisce sotto il mento. Il quarto è il capolavoro di giornata. Era destino. Eppure lui ce l’aveva messa tutta a contrastarlo.

PRESTIA 5: Era il più giovane e ne trarrà sicuramente giovamento dagli errori commessi. Parte e fa bene fino alla mezz’ora finale, dove concede tutti i contrasti di testa e fa girare Antenucci sull’1-3.

PECCARISI 4,5: Dispiace, un voto così basso per l’elemento migliore che abbiamo. Ma proprio per questo e per tutto il carisma che ha, commettere l’ingenuità dell’espulsione al 38′ del primo tempo, costa caro. A lui come a tutti i suoi compagni.

FAISCA 5: Non aveva giocato male, ma poi entra nella sagra delle sciocchezze, prima concedendo il cross sul gol di Antenucci, quindi perdendo la posizione sul secondo di Sansovini.

SCALISE 5,5: Parte bene, anche se la squadra spinge molto più sulla fascia opposta. Poi, però, cala e non contiene i cross che piovono dalle sue parti. Ammonito ingiustamente.

RUSSO 5,5: Partita che oscilla sulla sufficienza. Ma uno dalla sua esperienza poteva nascondere qualche pallone in più nella ripresa.

DI DONATO 5: ‘Oh capitano, mio capitano’, si sarebbe rivolto a lui Robin Williams. Fuori posizione, perde diversi palloni, ma soprattutto http://www.picenooggi.it/wp-admin/post-new.phpnon trasmette la necessaria grinta nel momento di necessità. Finisce le energie ben prima del 3-4.

FOSSATI 6: Bello, bellissimo gol. Capolavoro balistico che annulla gran parte dei palloni persi. Buon aiuto in fase offensiva, ma anche lui poteva dare di più (COLOMBA SV).

PASQUALINI 5,5: Nei primi minuti fa capire di non voler ripetere la pessima prestazione di lunedì sera. Un suo sinistro sfiora il gol. Ma anche lui, seppur dopo aver dato tutto, ha la responsabilità di non chiudere sulla sua fascia alle avanzate dei padroni di casa (LEGITTIMO SV).

FECZESIN 6,5: Gol, il quinto, frutto di potenza e movimento da attaccante di razza. Peccato per il destro di inizio gara. Esce per dare più sostanza al centrocampo ( RICCI 5: Entra per ‘rinforzare’ la difesa, ma non ci riesce granché).

ZAZA 7,5: Quattordicesimo gol, approfittando della papera di Guarna, assist alla ‘Rui Costa’ sul raddoppio e fallo guadagnato con una serpentina mortifera per il terzo gol. Se vogliamo proprio trovare una pecca: poteva tenere meglio qualche pallone nella ripresa.

SILVA 6: A saltare di testa nella propria area non ci va lui. Certo dovrà fare segreto del dvd che farà vedere al ritorno al lavoro. Posizionamenti sbagliati e poca attenzione sono le cause principali. Eppure in difesa sono solo in quattro e sono tutti bravi a fare gli artisti col marmo di Carrara…

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 710 volte, 1 oggi)