ASCOLI PICENO –  Forniva metadone al suo compagno di cella, ma l’ultima dose gli è stata fatale. Per questo motivo Joseph Parisi, 44 anni, di New York ma residente a Castel di Lama, ed attualmente detenuto al carcere di Fossombrone per altra causa, è comparso stamattina, 13 febbraio, davanti al Gup, Rita De Angelis, per l’udienza preliminare che si è svolta al Tribunale di Ascoli Piceno.

I fatti risalgono all’estate del 2009, tra il  7 ed il 10 agosto, in cui l’indagato, durante la sua detenzione al carcere di Marino del Tronto, riceveva dal Sert dosi di metadone; quantitativo che, però, avrebbe occultato più volte per poi tenerlo nascosto all’interno della sua cella.

Non solo. Parisi, infatti, è accusato anche di averne ceduto alcune dosi  a Ben Salah Mouhamed, suo compagno di cella, deceduto per intossicazione acuta di metadone, in seguito ad un collasso cardio-circolatorio.

L’udienza è stata rinviata al prossimo 4 aprile

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 555 volte, 1 oggi)