ASCOLI PICENO – Benvenuti nel XXI Secolo. Non più opere faraoniche, cattedrali nel deserto, verticismi: la parola d’ordine – e in quest’epoca in Italia sembra scontato – è Rete. Ecco il filo che lega Hub21 alla città di Ascoli così come all’intero Piceno ma anche alle Marche e all’Abruzzo: la rete, la compartecipazione di imprenditoria privata di piccola e media dimensione con le istituzioni e obiettivi di alta qualità.

Così è stato presentato questa mattina, nella sede dell’Unicam di Ascoli, Hub21, il nome assegnato al futuro Polo Tecnologico, Scientifico e Culturale che dovrà sorgere nell’area ex Carbon denominata Ascoli21, progetto di riqualificazione urbana.

Si è trattata di una presentazione assieme di sintesi e di rilancio: sintesi del lavoro fin qui svolto dall’Innovation Desk, rilancio perché da adesso in poi dalle analisi e dalle parole di passerà ai fatti.

Giuseppe Campanella, consigliere delegato di Restart, parla di Hub21 come “di un sogno di cui si parlava da 20 anni, possibile anche grazie alla spinta della Fondazione Carisap e che adesso ci chiama ad una sfida difficile ma entusiasmante: riqualificare un’area degradata e rilanciare lo sviluppo economico secondo canoni diversi rispetto a quello osservato in passato, poiché i fondi pubblici sono scarsi e occorre affidarsi agli investimenti privati”.

“Investiremo 3 milioni di euro, perché crediamo in questa iniziativa” ha aggiunto Franco Gaspari, presidente di Restart, società formata da Fondazione Carisap, Fainplast, Genera ed Emmetregi.

Ma cosa sarà Hub21 e come si è svolto fin’ora il processo?

Fabrizio Luciani e Giacomo Valentini della Partner Consul hanno illustrato gli incontri molto partecipati (circa 230 presenze) svolti fino ad ora: prossimo passo sarà quello della costituzione di una società di capitale Hub21 con un capitale di 500 mila euro, di cui 400 mila da aziende private e 100 mila pubblico. Si tratterà di una società di capitali con un consiglio di amministrazione di 7 delegati e un comitato scientifico di circa 20 componenti.

L’obiettivo è quello della creazione di un “ecosistema” di imprese favorevole all’innovazione strutturato in tre aree di business: formazione, incubatore d’impresa e servizi come marketing, fund rainsing, disponibilità laboratori. Il modello gestionale è flessibile: possono collaborare sia soci che clienti/fruitori, partner tecnico-scientifici che logistici.

Massima importanza sarà data priorità ad un progetto di accelerazione di impresa per il quale vi è già stata la firma di un Protocollo di Intesa tra Regione Marche e Provincia di Ascoli e consentirà, da qui al 2015, di selezionare start up innovative, utilizzando anche un fondo finanziario “rotativo” in fase di realizzazione da parte di Restart.

Inoltre altre opportunità per creare “l’ecosistema” dell’Hub21 vengono rintracciate nella potenzialità attrattiva già verificata riguardante attività imprenditoriali nelle Marche e nell’Abruzzo: “Ad esempio stiamo lavorando alla creazione di quella filiera della conoscenza e quel distretto culturale evoluto pensato e appoggiato dalla Regione Marche”. E a proposito di ecosistema, sarà ovviamente la green economy uno degli aspetti ai quali Hub21 si mostrerà più sensibile.

Un progetto, quello di Hub21, che non può essere circoscritto nei confini comunali di Ascoli né in quelli provinciali del Piceno, come ripetutamente hanno affermato molti degli intervenuti e come la presenza del rettore Flavio Corradini dell’Università di Camerino ha sottolineato: “Dall’Università massimo appoggio a queste iniziative”, ha detto, e riguardo i timori di taglio dei corsi riferiremo in altro articolo.

Un plauso ovviamente è arrivato dal sindaco di Ascoli Guido Castelli (“Una logica di aggregazione che ci trova partecipi”), dal presidente della Provincia Piero Celani (“Ci ho creduto già come amministrazione comunale dal 2004”) il quale rispondendo ad alcuni imprenditori ha evidenziato come “gli enti non si stanno tirando indietro e anzi sono subito dietro a Restart per creare le condizioni affinché ciò si verifichi. Parliamo di una intricata variante urbanistica che entro due mesi consentirà di utilizzare già uno degli stabili presenti nell’area di Ascoli21 e già fra due mesi, magari con TecnoMarche, garantire il primo insediamento nell’area. Inoltre attraverso la Fondazione Sgariglia-Dal Monte avvieremo presto il prestito d’onore per un capitale di 2 milioni da destinare alla micro-impresa”.

Diversi gli interventi seguiti alla presentazione: il presidente della Fondazione Carisap Vincenzo Marini Marini ricorda come “aderimmo subito a questa iniziativa in quanto non verticistica ma di natura orizzontale, e i primi passi dimostrano che quella intuizione è stata finora perseguita”, il presidente di Confindustria Ascoli Piceno Bruno Bucciarelli, un po’ critico (“Dobbiamo combattere contro la burocrazia, occorre al più presto passare ai fatti perché sono già passati anni e ancora non si vede nulla”).

Ma c’è un rischio: la sostenibilità economica dell’iniziativa. Ora, infatti, è il momento di fare gruppo con gli investimenti reali, perché per avviare Hub21 servono 1,5 milioni di euro tra investimenti e infrastrutture per i primi 2 anni, e 300 mila costi fissi tra stipendi e spese vive all’anno. Altro aspetto riguarda la bonifica dell’area ex Carbon: un’altra scommessa da vincere.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.263 volte, 1 oggi)