ASCOLI PICENO – Smacchia il muro: questo sarà l’obiettivo dei giovani volontari di Ascoli da Vivere che, domenica 10 marzo dalle ore 10 si prodigheranno per pulire dai graffiti il muro di via Spalvieri (30 metri di lunghezza e 3 di altezza), già in precedenza pulito e poi nuovamente imbrattato dai vandali. Dopo l’esperienza della Giornata Antidegrado, lo scorso 21 ottobre, i ragazzi dell’associazione ascolana tornano sulla strada che conduce verso la piscina comunale, ecco un nuovo appuntamento “antidegrado”. Peppe Cinti, presidente di Ascoli da Vivere, spiega la motivazione: “E’ un po’ la teoria della finestra rotta, che ha poi portato il sindaco di New York Rudolph Giuliani alla famosa strategia della “tolleranza zero”. Se in una strada viene rotta una finestra e nessuno l’aggiusta, presto tutte le finestre verranno rotte. Invece, ripristinandola, una volta, poi due, è facile che alla fine il presidio riporterà alla legalità”.
“Per questo non abbandoniamo la città e torniamo ancora su via Spalvieri, proprio per dare un segnale della presenza di tutta la città di Ascoli” continua. Tuttavia questa iniziativa, supportata dall’amministrazione comunale, non mira solo alla risposta ma anche alla proposta: “Il muro, una volta pulito, sarà destinato ai writers, quelli buoni, in una sorta di Ascoli Street Art: faremo un bando semplice e selezioneremo coloro che vorranno partecipare. Il tema, essendo una strada vicino ad impianti sportivi, non potrà che essere sportivo e giovanile”.

In futuro, inoltre, questa operazione sarà ripetuta per altre aree cittadine, come nella zona di Monticelli: “Vogliamo incentivare la creatività e l’arte giovanile, ma questo non significa dare credito agli imbrattatori. Qualcuno ci ha chiesto di fare la stessa cosa nelle zone del centro, ma il travertino è spesso posto sotto tutela dei Beni Culturali e inoltre non possiamo agire su proprietà private” ricorda Cinti. Tuttavia, spiega, “nei prossimi mesi potremmo coinvolgere i commercianti del centro in un progetto per la pulizie delle saracinesche, anch’esse, purtroppo, spesso imbrattate dai vandali e che, quando chiuse, deturpano il nostro centro storico specie agli occhi dei turisti”.

Per i “writers” buoni, dunque, basterà scrivere a info@ascolidavivere.it per ottenere le informazioni necessarie.

Il sindaco Castelli conferma: “Cerchiamo di resistere nei confronti degli incivili che rovinano la bellezza della nostra città: e più insisteranno, più noi non molleremo”. Stesso tenore per l’assessore alle Politiche Giovanili Massimiliano Brugni: “Dobbiamo dimostrare che siamo più testardi di loro. E insisteremo nella pulizia fino alla fine”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 484 volte, 1 oggi)