ASCOLI PICENO – Choc anafilattico. Questa la causa che ha causato la morte  di Erika Anna Avrai, rumena di 42 anni, residente a Montefalcone Appennino, ma da un po’ di tempo a Comunanza per ragioni di lavoro. Il responso del medico legale del Mazzoni di Ascoli, Giuseppe Sciarra, parla chiaro: la donna è morta in seguito ad una grave forma di anafilassi; una grave reazione allergica, a rapida comparsa, al medicinale che lei stessa si sarebbe iniettata. Uno shock anafilattico che l’ha uccisa in pochi istanti .

La tragedia è avvenuta lo scorso giovedì mattina, poco dopo le 9:30, in viale Trieste a Comunanza. La donna, dopo essersi recata dal suo medico curante per farsi prescrivere un antibiotico per contrastare una forma influenzale, avrebbe assunto il medicinale tramite una iniezione che si sarebbe praticata da sola.

Successivamente, è entrata nella rosticceria “La Rustica”, in viale Trieste. Il primo malore sarebbe sopraggiunto subito dopo, culminato in pochi attimi in una totale perdita di conoscenza. Ad allertare il suo medico di base che le aveva prescritto l’antibiotico, e un’autoambulanza del 118, è stato proprio la titolare del negozio, che vedendola accasciata al suolo senza conoscenza ha fatto subito scattare l’allarme.

Erika Anna Avrai è stata trasportata d’urgenza al Mazzoni di Ascoli, ma quando è arrivata era già morta.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 628 volte, 1 oggi)