ASCOLI PICENO – “Get up, stand up/ stand up for your rights” canta Bob Marley. Sembra uno slogan quasi fatto su misura per la nuova iniziativa lanciata sul web dai Giovani Democratici, “Stand Ap!”. Si tratta di una piattaforma, priva di simboli politici e collegata ai maggiori social network, aperta a tutti coloro che vogliano esprimere  opinioni per contribuire a migliorare la città. Gli argomenti possono essere inseriti da chiunque effettui un semplice login. Le idee che ottengono i maggiori consensi salgono sulla classifica dell’ “Ideario di Ascoli”.

“Dopo la campagna elettorale, da più parti si è detto che il Pd non ha saputo mantenere il contatto con le persone – esordisce Francesco Di Vita, segretario comunale del gruppo giovanile – allora noi abbiamo pensato di affiancare alla ripresa del contatto fisico con le persone anche quello digitale, per avvicinare studenti fuorisede, ad esempio, alla discussione sulla loro città”.

“Non solo i fuorisede – prende la parola Francesco Ameli, componente della direzione nazionale Gd – infatti tramite il web vogliamo dare voce anche a chi in genere non si esprime. È un modo per rompere il ghiaccio e accrescere la partecipazione politica” conclude.

Sono già diversi gli argomenti in discussione: la diretta web e il podcast dei consigli comunali; l’open data ossia la pubblicazione, a cura del Comune, di tutti gli atti da esso prodotti con possibilità di fruizione e riuso da parte di cittadini e imprese; l’istituzione del mese della Quintana, che potrebbe rilanciare l’evento storico-folkloristico al di fuori dei confini regionali, attraendo così il turismo; la riforma dell’ente Quintana, che implica la separazione di esso dal comune; la riqualificazione del campo Squarcia, che potrebbe diventare “il luogo fisico della rievocazione storica, con la possibilità di realizzare un maneggio”- propone Fraska; la creazione della Piazza della Cultura; la riqualificazione di Viale De Gasperi.

Tra i post si fa notare quello relativo alla querelle sulla vita notturna del centro storico, in cui si riporta un comunicato rilasciato dal proprietario de “La Birretta”. Sull’argomento i due esponenti del movimento giovanile democratico provano a dire la loro, così Di Vita: “La storia è sempre la stessa: o ci si lamenta che il centro è deserto, oppure ci si accontenta che il centro sia tale e Ascoli riposa in pace! Piuttosto, invece di parlare di qualche schiamazzo notturno, rifletterei sul fatto che il centro è sempre vuoto durante il giorno. Questi sono problemi che si risolvono con l’housing sociale e la ripopolazione del centro con le coppie giovani ad esempio”. Più vivace il commento di Ameli: “Di Micco ha detto che Ascoli non raggiungerà mai i livelli di via Mentana a San Benedetto. Ma magari arrivassimo a quei livelli di affollamento!

“La speranza è che “Stand-Ap!” diventi un luogo di confronto, non solo per gli under 40 che attualmente partecipano in maggioranza alle discussioni, ma anche un luogo di aggregazione attorno a idee e questioni per poi fare qualcosa di concreto”- spiegano i due esponenti dei Gd. “I modelli a cui ci siamo ispirati per creare questo portale sono validi, come quello di Nicola Zingaretti, Zadda a Cagliari. Anche Obama usa una struttura web del genere, per una volta tanto anche Ascoli è all’avanguardia!”- specifica Fraska.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 690 volte, 1 oggi)