ASCOLI PICENO – Da oltre tre mesi un ascolano di 50 anni aveva iniziato ad avere una relazione extraconiugale con una ragazzina di 14 anni. Desideri a sfondo sessuali, assecondati solo parzialmente dalla vittima, purtroppo, si sono sostituiti alle lusinghe ed ai corteggiamenti iniziali.

Le indagini, condotte dalla Squadra Mobile e  coordinate dal Pubblico Ministero, Umberto  Monti, hanno permesso di raccogliere gravi indizi di colpevolezza, tra cui alcune intercettazioni telefoniche, tali da costringere il  Gip del Tribunale di Ascoli Piceno, Carlo Calvaresi, ad emettere un’ordinanza di custodia cautelare in carcere per il reato di violenza sessuale. La vittima, affetta da problemi psicologici, ha raccontato tutto agli assistenti sociali, e da li è partita l’inchiesta.

L’Ascolano di 50 anni, amico del padre della quattordicenne, che in un primo momento avrebbe negato ogni addebito, è stato arrestato e messo in isolamento nella Casa Circondariale di Marino del Tronto, a disposizione delle  Autorità Giudiziarie.    

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.218 volte, 1 oggi)