ASCOLI PICENO – Su iniziativa dei consiglieri comunali membri della Commissione Cultura Valentina Bellini, Antonio D’Isidoro e Mauro Pesarini è stata presentata la richiesta di convocazione di un Consiglio Comunale aperto avente per argomento la situazione dell’Università ad Ascoli.

Hanno sottoscritto la richiesta numerosi consiglieri: 

“Il Consiglio Comunale aperto vuole essere uno strumento per fare il punto sulla situazione dell’Università sia dal punto di vista strettamente didattico e di offerta formativa, sia dal punto delle strutture a disposizione, per valutare adeguatamente la situazione esistente e soprattutto le prospettive di questa realtà che da molti è vista come strategica per il futuro della città – scrivono i consiglieri del Pd della Commissione Cultura, Valentina Bellini, Antonio D’Isidoro, Mauro Pesarini – E’ bene che i cittadini conoscano in modo approfondito e nei luoghi istituzionali la situazione: il Consiglio Comunale aperto costituisce in questo senso un momento di confronto utile in cui ascoltare i vari “attori”; affermare il ruolo che ciascuna delle figure istituzionali coinvolte può e deve svolgere; mettere in luce le prospettive, le criticità le proposte su un settore che è di importanza basilare per la possibile rinascita della città”.

“Come è stato ribadito anche recentemente da più voci il tema del lavoro, e dunque del futuro della città, deve essere centrale nell’attività politica e amministrativa. Concentrare energie e risorse, umane oltre che economiche, su questo tema è un modo per affrontare un possibile percorso per restituire identità e speranze di crescita alla nostra città. Per farlo in questo momento di difficoltà c’è bisogno della collaborazione di tutti: figure istituzionali, amministratori, cittadini; ecco perché il Consiglio Comunale aperto può essere uno strumento -anche se non l’unico ovviamente- e un luogo per praticare una condivisione di scelte e obiettivi tra la politica, le forze sociali e culturali della città, e i cittadini tutti” concludono.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 375 volte, 1 oggi)