ASCOLI PICENO – Come Ascoli-Pescara. Tredici mesi fa, il Picchio annegò il Delfino al ‘Del Duca’ con un 3-0 agli uomini di Zeman, poi futuri vincitori del campionato. Domani allo stadio di via Zeppelle lo scenario sarà simile: i bianconeri di mister Silva si troveranno di fronte una delle squadre più forti del campionato, il Verona di Andrea Mandorlini, secondo in classifica e con la miglior difesa, ma anche squadra del re dei bomber di Serie B, Daniele Cacia. Ma il pubblico di Ascoli non vuole sentire ragioni: nelle ultime quattro partite non si dovrà far caso agli avversari né alla loro potenza. Si dovrà lottare e sudare per un maglia. Per lei e per il suo futuro.

Verona, poi Brescia, quindi Ternana, infine Cittadella. Quattro finali, a cominciare da domani (inizio alle 15, arbitra Candussio di Cervignano del Friuli). Per questo la società ha confermato l’iniziativa ‘Insieme si può‘ sposata nella gara col Padova: stavolta, pagherà 3 euro un tagliando di curva chi porterà con sé un’altra persona. Tutto nella speranza di rivedere la grande tifoseria di lunedì scorso, ovviamente con sul campo un risultato opposto. E proprio riguardo al campo, in queste ore, si mescolano le idee di mister Massimo Silva, alle prese con qualche dubbio in più del solito riguardo la formazione: se a porta pare essere confermato Maurantonio e la difesa, senza Peccarisi, è cosa fatta, a centrocampo i discorsi sono aperti. Insieme a Loviso potrebbero agire Morosini e Fossati, ma entrambi, per motivi diversi, non sono in ottima condizione. Facile, dunque, che al posto di uno di loro possa agire Russo, con Colomba outsider. A destra pare essere arrivata (finalmente) l’ora di Conocchioli. In attacco, infine, sperando di ritrovare il Simone Zaza che si è fermato a Castellammare di Stabia (non segnà da quell’1-1 del 16 marzo scorso), il mister potrebbe optare per Feczesin, con l’ottimo Soncin che torna in panchina.

Sul versante gialloblù, l’Hellas dovrà fare a meno di Ceccarelli, Vives, Carrozza, ma soprattutto di Hallfredsson, infortunatosi in settimana. Notizia non da poco, visto che l’islandese ha segnato al Picchio sia all’andata (dopo pochissimi secondi), sia nello scorso anno. Respinto il ricorso per le squalifiche di Mandorlini e del suo vice Bordini, in panchina per gli scaligeri sedierà il ds Sean Sogliano, anche se coadiuvato dall’allenatore dei portieri Ermes Morini.

Probabili formazioni:

ASCOLI (3-5-2): Maurantonio; Ricci, Prestia, Faisca; Conocchioli, Russo, Loviso, Fossati, Pasqualini; Zaza, Soncin. A disposizione: Gomis, Scalise, Legittimo, Capece, Colomba, Montalto, Feczesin. All. Silva.

HELLAS VERONA(4-3-3): Rafael; Cacciatore, Moras, Maietta, Agostini; Laner, Jorginho, Martinho; Gomez, Cacia, Sgrigna. All. Sogliano (Direttore sportivo)

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 479 volte, 1 oggi)