ASCOLI PICENO – “Il nuovo Piano regolatore preveda interventi di Mutuo sociale”. A chiederlo è CasaPound Italia, che l’altro giorno è intervenuta alla presentazione del Prg da parte del professor Cervellati, nella sala della Gioventù. “Il Prg – sottolinea il responsabile provinciale di Cpi Ascoli Piceno, Fabio Di Nicola – non può non tener conto
dell’emergenza abitativa, che non trova risposta nell’attuale modello di edilizia popolare e va assumendo proporzioni sempre più drammatiche. Il Mutuo sociale – prosegue Di Nicola – rappresenterebbe invece una risposta più che valida dal punto di vista sociale ed economico, oltre che coerente con le linee guida del Piano, che prevedono la creazione di nuovi spazi abitativi a misura d’uomo. Infatti – chiarisce l’esponente di Cpi – gli alloggi a Mutuo sociale andrebbero costruiti su un’area di proprietà demaniale e avvalendosi della collaborazione della facoltà di architettura, abbattendo al massimo i costi di progettazione e realizzazione”.

“Abbiamo consegnato agli addetti – spiega Di Nicola – un fascicolo con tutti i dettagli per la realizzazione della nostra proposta di legge, che è pensata per permettere alle famiglie italiane di diventare proprietarie dell’abitazione in cui vanno a vivere e che ha già trovato riscontri positivi in altri enti locali. Fra questi – ricorda Di Nicola – c’è la Regione Lazio, che l’ha approvata nel 2011, ma non ha mai realizzato gli strumenti d’attuazione. Il nostro territorio – sottolinea
Di Nicola – oggi ha l’occasione di porsi all’avanguardia in Italia nelle politiche per affrontare la piaga dell’emergenza abitativa. Confidiamo – conclude il responsabile di Cpi Ascoli Piceno – che il sindaco e la giunta accolgano la nostra proposta e non si lascino sfuggire l’opportunità di dare finalmente una risposta seria ai cittadini in emergenza abitativa”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 291 volte, 1 oggi)