OFFIDA – “La Ciip spa ha un serio problema: alle molte parole che profondono non seguono mai i fatti.” un commento lapidario quello del sindaco di Offida Valerio Lucciarini nei confronti dell’amministrazione del Consorzio Idrico Piceno

Un attacco diretto al presidente Alati: “Ci avevano assicurato che avrebbero dato seguito agli impegni presi di fronte ai cittadini, relativamente al nuovo tratto fognario in località San Barnaba che coinvolge anche i frontisti della strada Colle Tafone. Ad oggi, dietro alle parole, si rimpallano le responsabilità con l’Ato e le procedure non camminano.”

Per Lucciarini questo non può essere il momento dell’immobilismo e dell’ingessatura burocratica; anzi sarebbe arrivato insindacabilmente il tempo di fornire le risposte sulle quali ci si è impegnati.

Ma è mai possibile che si possa continuare ancora ad operare in questo modo?– sentenzia ancora il sindaco- Avverto, da un po’ di tempo, troppe promesse e pacche sulle spalle ai sindaci ed agli amministratori e poche opere a servizio della collettività. Ho l’impressione che ci si muova esclusivamente in rapporti di carattere personale per assicurarsi la riconferma senza comprendere che il sostegno passa necessariamente per l’attività che si svolge al servizio dei cittadini”

Sul progetto in questione oramai i territori non possono più aspettare e soprattutto non Lucciarini, che si è preso l’impegno di realizzare l’intera opera entro il 2013 e allo scadere dell’anno mancano 6 mesi.

“Ci vuole serietà nell’amministrare la cosa pubblica- conclude il primo cittadino- soprattutto in un momento difficilissimo come questo dove le istituzioni devono saper dare certezze e non chiacchiere. Se si lavora bene con serietà e corrispondenza ai programmi i risultati arrivano così come le riconferme ai ruoli di responsabilità. Ma siamo certi che questo sia il caso della Società Ciip?”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 361 volte, 1 oggi)