ASCOLI PICENO – Volge al termine la stagione del Teatro Ventidio Basso di Ascoli Piceno promossa dal Comune e dall’AMAT in collaborazione con Teatro 88 e realizzata con il contributo di Regione Marche e Ministero per i Beni e le Attività Culturali. L’ultimo appuntamento in cartellone è l’11 e 12 maggio con Massimo Ranieri in Viviani Varietà.

Nei momenti di crisi riemerge l’opera di Raffaele Viviani, autore e drammaturgo, attore e cantante, poeta della Napoli tra le due guerre, osservatore curioso e instancabile del sottoproletariato urbano. Così il regista Maurizio Scaparro porta in scena Viviani Varietà, la rappresentazione di un avvenimento realmente accaduto, il viaggio sul piroscafo Duilio da Napoli a Buenos Aires, nel 1929, dove il grande artista prova alcuni suoi numeri di macchiette, caricature, canzoni e coreografie.

Dopo il debutto al 75° Festival del Maggio Musicale Fiorentino, prosegue il viaggio di Massimo Ranieri e Maurizio Scaparro tra le poesie, le parole e le note del teatro di Raffaele Viviani. Viviani Varietà attinge al patrimonio dell’autore partenopeo per raccontare i tempi difficili del crollo di Wall Street, di una società che stava mutando velocemente e di quelli che andavano a cercar fortuna nel nuovo mondo oltreoceano ma anche l’orizzonte di promesse e le speranze d’oggi, nel pieno di una rivoluzione tecnologica e di una interminabile crisi economica.

Massimo Ranieri e Maurizio Scaparro ricompongono la galleria di ritratti in musica che Viviani ha disseminato nelle sue opere, riunendo nelle sale di terza classe del Duilio il popolo vitale e dolente degli scugnizzi, degli ambulanti, delle prostitute e della povera gente per farne i protagonisti e gli spettatori del varietà popolare che va in scena. Nella sala del piroscafo affacciata sul blu dell’oceano, scorrono le melodie più note di Viviani: So’ Bammenella ‘e copp’ ‘e quartiereLavannarè’O guappo ‘nnammuratofino a ’O Sapunariello, che Ranieri canta accompagnato dal nutrito cast di attori e con l’esecuzione dal vivo dell’orchestra.

Il piroscafo ricreato per la scena e i costumi portano la firma di Lorenzo Cutùli, le elaborazioni musicali sono di Pasquale Scialò, i movimenti coreografici di Franco Miseria, e i testi sono stati curati direttamente dal nipote di Raffaele Viviani, Angelo Longone Viviani. A Ranieri si accompagnano di volta in volta le interpretazioni di Roberto Bani, Angela De Matteo, Mario Zinno, Ivano Schiavi, Gaia Bassi, Rhuna Barduagni, Antonio Speranza, Simone Spirito e Martina Giordano, accompagnati dal vivo dall’orchestra composta da Massimiliano Rosati (chitarra), Ciro Cascino (pianoforte), Luigi Sigillo (contrabbasso), Donato Sensini (fiati) e Mario Zinno (batteria).

La produzione dello spettacolo porta la firma di Fondazione Teatro della Pergola e Compagnia Gli Ipocriti in collaborazione con 75° Festival del Maggio Musicale Fiorentino.

Per informazioni e biglietti: biglietteria del Teatro Ventidio Basso (tel. 0736 244970). Inizio spettacoli ore 20.30.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 371 volte, 1 oggi)