OFFIDA – L’internazionalizzazione offre un’opportunità di sviluppo anche per le cooperative specie quelle del settore agroalimentare marchigiano le cui eccellenze sono apprezzate in molte aree del mondo.

A questo tema Agci Marche e Legacoop Marche hanno dedicato il seminario, “Eno-agroalimentare in Cina: opportunità, strategie di ingresso e gestione del mercato”, che si è svolto nell’Enoteca regionale di Offida (Ap).

All’iniziativa, sostenuta dalla legge regionale 5 del 2003 per lo sviluppo della cooperazione, ha collaborato Piceno Promozione.

“E’ una delle azioni del nostro progetto dedicato alle aree di crisi del piceno e del distretto della meccanica – spiega Stefania Serafini, direttore di Legacoop Marche, che ha coordinato l’incontro -, un’azione con cui vogliamo supportare le cooperative di questi due territori per affrontare le conseguenze della crisi economica e sostenerle nella ricerca di nuove opportunità di mercato”. Un progetto che ha anche l’obiettivo, aggiunge la Serafini, “di avviare azioni di ‘sviluppo locale’ valorizzando le forze e le capacità del territorio per mantenere una speciale attenzione al benessere socio-economico generale”.

Al seminario, sono intervenuti Gino Sabatini, presidente di Piceno Promozione della Camera di Commercio di Ascoli Piceno, che ha parlato dell’esperienza dei programmi di promozione per le imprese picene.

Delle strategie di internazionalizzazione nei Paesi extraeuropei ha invece parlato Milena Berloco, projetc manager Indaco, mentre Augusto Boridni, responsabile Indaco Cina, ha analizzato un quadro strategico per come esportare i prodotti agroalimentari nel Paese asiatico, uno dei mercati mondiali a più forte crescita.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 387 volte, 1 oggi)