ASCOLI PICENO – La Nazionale Italiana di Calcio a 5 Cat. B1 (ciechi assoluti) ha scelto la città delle Cento Torri per una tre giorni di ritiro, e, per celebrare l’evento, una rappresentativa della mitica squadra dei “Diabolici” dell’ Ascoli Calcio 2002, ha voluto mettersi alla pari degli atleti non vedenti, indossando la benda e sfidandoli sul prato verde.

Il risultato inutile dirlo è stato, largamente a favore degli atleti non vedenti; la squadra dei Diabolici, capitanata da Fontana e con Bonfiglio, Di Venanzio e Monaco ha visto la propria porta difesa da Cappelli, capitolare ben 4 volte sotto i colpi dei bomber azzurri, e inoltre sbagliare anche due rigori con Di Venanzio. La vittoria è stata di tutti però, specie quella morale, e la disponibilità e l’umiltà dei diabolici è stata decantata tutti; inoltre bellissime sono state le testimonianze degli stessi che hanno affermato, appena tolta la bendata, di aver trascorso un’esperienza stupenda.

A dare il calcio di inizio all’evento sono stati il Sindaco di Ascoli Piceno Guido Castelli e l’intramontabile Don Giampiero della locale parrocchia, indossando anche loro la benda. Sono intervenuti, spendendo parole di profonda ammirazione per la Picena non Vedenti e per questi atleti, l’Assessore alle Politiche Sociali Donatella Ferretti, il Presidente Regionale dell’Unione Ciechi Dr. Armando Giampieri, l’ex arbitro di calcio Emidio Morganti ed il Consigliere Nazionale FISPIC Antonio Falasconi.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 412 volte, 1 oggi)