ASCOLI PICENO – Un  riferimento concreto e affidabile: così il presidente della Provincia di Ascoli Piceno, Piero Celani, definisce il Parco Scientifico e Tecnologico delle Marche, TecnoMarche, a margine del convegno “Il Futuro dei fondi europei”, svoltosi nell’aula magna dell’Università Politecnica delle Marche di San Benedetto del Tronto e che ha visto, tra i relatori, l’intervento proprio dell’ ingegner Roberto Bedini, direttore di TecnoMarche.

Il ruolo di TecnoMarche nella costruzione del Polo Tecnologico della ex SGL Carbon – ha dichiarato il presidente Celani – è particolarmente significativo e importante. La provincia di Ascoli Piceno punta su TecnoMarche come incubatore del polo tecnologico e scientifico, per il quale abbiamo individuato la sede a Villa Tofani la cui ristrutturazione è pressoché ultimata. TecnoMarche, sia per quanto riguarda le professionalità e il know-how acquisiti nell’ultimo decennio, sia per quel che concerne la composizione societaria pubblico-privata  può essere il seme di questo polo ma soprattutto può esserne l’animatore. Spero di poter presentare il polo tecnologico e scientifico tra qualche mese, rinnovo l’invito agli imprenditori che fanno parte di TecnoMarche di credere e investire in questo progetto, perché TecnoMarche è l’unico punto di riferimento concreto che abbiamo sul territorio per costruire il polo tecnologico.

Il riconoscimento inequivocabile del presidente della Provincia di Ascoli, Piero Celani, va dunque a TecnoMarche ed alla sua qualificata esperienza di progettazione di Ricerca ed Innovazione con e per le imprese marchigiane, in collaborazione con le Università e gli altri Centri di Ricerca Regionali: un ente che stimola e promuove la competitività dei sistemi produttivi locali, nel rispetto dei principi di sussidiarietà con gli altri livelli Istituzionali di programmazione, attraverso la ricerca e l’innovazione.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 402 volte, 1 oggi)