Articolo di Alessandra Rasetti del Liceo Classico Orsini di Ascoli per il concorso “Racconta la tua Ascoli”, con il patrocinio della Provincia di Ascoli Piceno e del Comune di Ascoli Piceno e il sostegno di Helen Doron English di Ascoli Piceno.

Ecco che arriva il secondo spettacolo di Historock, iniziativa del professor Romano Firmani con la collaborazione del noto regista ascolano Christian Mosca. La data è fissata per il 19 maggio 2013, intanto si lavora “dietro le quinte” con i ragazzi dello scientifico. Sono molte le aspettative per il sequel di Historock 1, svoltosi lo scorso anno sotto gli occhi di ben 500 spettatori. Quest’anno ci saranno nuovi ragazzi coinvolti nel progetto e nuove storie a note di rock da raccontare, come conferma il professor Romano Firmani nell’intervista.

R.F. “Quest’anno andremo a rappresentare tre fondamentali periodi. Il primo riguarda i diritti civili partendo dalla storia della statunitense afroamericana Rosa Parks, famosa per aver rifiutato nel 1955 di cedere il posto su un autobus ad un bianco, e passando per il sogno di Martin Luter King fino all’attuale Aung San Suu Kyi. Ilsecondo capitolo tratta della guerra in Vietnam che causò 58.000 vittime tra gli americani e un numero mai definito tra vietnamiti. Il terzo momento è quello della fame in Africa con Bob Marley e l’attuale fondazione della moglie Rita Marley. Per l’anno prossimo invece c’è già in progetto Historock Love, centrato su canzoni d’amore.”

A.R.“E’ rimasto soddisfatto dell’esito dello scorso debutto?”
R.F.“Voi mi avete riportato al Ventidio dopo 40anni, pensavo di non poterci più tornare. Grazie a voi ci sono tornato con 40 anni in meno, anche se erano i vostri. Le sensazioni sono difficilmente descrivibili: gioia, soddisfazione, meraviglia. Ho sentito dire da tutti, non per buonismo, che è stata una cosa eccezionale tanto che la preside l’ha voluta in capo atutte le altre attività. Inoltre abbiamo ricevuto la richiesta ufficiale dalla scuola Pascal di Teramo per la replica di Historock1 prevista per l’11 maggio”.

A.R.“Com’è scaturita l’ idea di Historock?”
.“L’idea è nata circa 10 anni fa. Stavo facendo la lezione in classe sulla guerra in Irlanda e parlavo delle varie rivolte. E, come a volte succede, 4-5 studenti guardavano fuori dalla finestra. Mi venne in mente di collegare la strage del Gennaio 1972, quella in cui l’esercito britannico uccise 13 civili, con la canzone Sunday Bloody Sunday degli U2. Come la nominai riconquistai l’attenzione di quei ragazzi. E da lì è nato tutto, un processo di ricerca e collegamento tra i momenti storici e il loro inserimento nel rock”.

Insomma il connubio di musica e cultura sembra aver entusiasmato i giovani dello scientifico, un modo anche per interessarsi alla storia con maggior coinvolgimento. D’altronde l’arte è un mezzo di espressione e comunicazione fondamentale per la crescita di ogni individuo, specialmente per i giovani, sempre più smarriti in una società che attualmente non sembra essere garanzia di un futuro. Paladino dell’arte come strumento di crescita è l’affermato regista Christian Mosca, il quale commenta: “L’intento formativo nei confronti deiragazzi non è solo di tipo didattico, ma anche culturale. Infatti per fare ciò utilizziamo il teatro, strumento che stimola l’interesse verso la bellezza, non nella sua accezione di esteriorità,ma quella che si palesa in molteplici forme: arte, letteratura, cinema. Quello che io mi propongo di trasmettere ai giovani tramite il teatro è l’idea che ilsuccesso non è il potere o i soldi, ma vivere lavorando delle proprie passioni e raggiungere gli obiettivi nella propria libertà, cultura e umanità.”

I presupposti e le competenze artistiche per la creazione di questo nuovo progetto non mancano, dunque non resta che aspettare il 19 Maggio e sedersi comodi per gustarsi lo spettacolo di Historkock2!

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 352 volte, 1 oggi)