ASCOLI PICENO – Al via una nuova serie di appuntamenti ideati dall’Associazione culturale “Il Portico di Padre Brown”, da sempre attenta a promuovere iniziative che intendono coniugare cultura e dimensione spirituale.

“Santinfamiglia”, questo il nome del nuovo ciclo di incontri-testimonianze, si inserisce nel più ampio contesto dell’Anno della Fede, indetto da Papa Benedetto XVI nell’ottobre 2012.

Così, sulla scia del Papa che aveva invitato ad una “riflessione sulla fede per aiutare tutti i credenti in Cristo a rendere più consapevole ed a rinvigorire la loro adesione al Vangelo”, l’Associazione intende portare la testimonianza di chi ha avuto il dono e il privilegio di avere in famiglia figure esemplari di fede vissuta.

Ad inaugurare la serie di incontri sarà la figura di Salvo D’Acquisto, il vice-brigadiere dei Carabinieri che il 23 settembre del ‘43 si sacrificò a Palidoro, nel Lazio, offrendo la sua vita ai tedeschi ed evitando così l’eccidio, per rappresaglia, di 22 italiani.

A raccontare l’esistenza di questo giovane martire in divisa, per il quale nel 1983 fu aperta, presso l’Ordine Militare, la causa di canonizzazione, sarà il più giovane dei fratelli, Alessandro D’Acquisto.

Scenario di questa toccante testimonianza sarà la Sala della Vittoria della Pinacoteca Civica dove, sabato 1° giugno, alle ore 21.15, avrà luogo l’evento “Mio Fratello Salvo D’Acquisto”, patrocinato dal Comune e dalla Provincia di Ascoli Piceno. Non mancherà una folta rappresentanza dell’Arma dei Carabinieri, tra ufficiali, sottoufficiali e militari, e la partecipazione del comandante provinciale dei Carabinieri di Ascoli Piceno, il colonnello Alessandro Patrizio.

Ingresso libero.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 430 volte, 1 oggi)