ASCOLI PICENO – L’indefinitezza del vivere altrove è al centro de “L’Espagnole”, opera prima di Raffaella Greco Tonegutti, che, oltre ad essere scrittrice, collabora con la Commissione Europea nell’ambito delle politiche migratorie ed è esperta di diritti umani. Il libro sarà presentato lunedì 10 giugno, alle ore 18:30, nello Spazio NovaDea della Libreria Prosperi. Introdurrà la giornalista e blogger Alessandra Addari.

L’ispirazione di questo romanzo storico-sociologico deriva da un’ esperienza di ricerca condotta dalla Greco Tonegutti tra le mogli dei minatori stranieri occupati nelle miniere belghe. Il risultato è una dichiarazione d’amore per la tenacia con cui le donne migranti affrontano l’instabilità della loro vita.

L’Espagnole è Madame Isabel, una vedova anziana che, per tirare avanti, affitta camere nella Bruxelles del secondo dopo guerra. Isabel è testimone della precarietà e fugacità della vita dei suoi ospiti, tutti giovani migranti. Una mattina d’inverno arriva Maddalena ad occupare l’ultima stanza rimasta e Isabel ascolta con curiosità i suoi racconti della fuga dalla Spagna franchista, di un’Europa inaccessibili per le frontiere, della durezza del lavoro nelle miniere delle Fiandre.

In occasione della presentazione del libro, sarà possibili visitare per l’ultimo giorno anche la personaleBello come una pietra in faccia”, dedicata all’artista An Degrida.

Per ulteriori informazioni, potete comunicare con lo Spazio NovaDea ai numeri 0736 259888329 1979667.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 273 volte, 1 oggi)