COMUNANZA – Hanno superato circa 3000 concorrenti e sono arrivati in finale a Castrocaro Terme. Parliamo dei 60 Frames, gruppo composto da Lorenzo Giustozzi, Giorgio Strada e Daniele Pacazocchi di Comunanza.  Si tratta della prima volta che una formazione del Piceno partecipa a un evento così importante.

Il nome della loro band è frutto della casualità: si tratta, infatti, della fusione della scritta “60 hertz” comparsa sulla televisione del loro studio di registrazione, con la parola “frame” che richiama l’interesse al mondo della tecnologia. I ragazzi saranno presenti al famoso festival con il loro brano “Lontani per sempre.”

Si tratta di una ballata a ritmo hip hop, che mescola, quindi, vari generi musicali. Il brano richiama la voglia di evadere e di uscire dagli schemi che la società propone, per creare ,quindi, un proprio mondo.

Il gruppo definisce la propria musica “una tela bianca”in cui si ha una contaminazione tra diversi generi, oltre che con altre forme d’arte.

Coinvolgendo nel progetto il chitarrista Davide Di Luca e il bassista Riccardo Messi, i 60 Frames sviluppano quella che era l’idea iniziale: testi curati e musicalmente scorrevoli, ritornelli pop/rock melodici e molto aperti. Hanno già realizzato due singoli ma hanno un sogno nel cassetto che si chiama Sanremo.

Il Bim Tronto intende fornire alla partecipazione dei 60 Frames al festival di Castrocaro, ampio supporto. Il presidente Luigi Contisciani sostiene che “i ragazzi hanno saputo superare le difficoltà del fare musica ad altissimo livello in un territorio lontano dalle grandi opportunità e rappresentano il perpetuarsi di elevate capacità umane e professionali proprie del nostro territorio. L’eco riservata al Festival – prosegue Contisciani – rappresenta un veicolo eccezionale per promuovere il territorio e le sue eccellenze”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 910 volte, 1 oggi)