ASCOLI PICENO – Come non lasciare la firma sulla propria opera d’arte. Ironia a parte, è successo ad un giovane che sorpreso ad imbrattare il treno con le bombolette spray, è fuggito lasciando sul posto la carta di identità.

E’ andata male al ragazzo che nella nottata del 26 luglio, è stato identificato dagli agenti della Polfer che hanno ritrovato il suo zaino con i documenti. E’ scattata la denuncia.

E’ successo nella stazione di Ascoli, sorvegliata perché già teatro di incursioni di questo tipo. Nel 2012 Trenitalia ha effettuato oltre 300 interventi di rimozione di graffiti su un totale di 14mila metri quadrati di superficie. Il costo è stato di 70 mila euro, cui vanno aggiunti 47 mila  per il ‘fermo vetture’.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 386 volte, 1 oggi)