ASCOLI PICENO – Novità assoluta in casa Ascoli: nel prossimo campionato non ci saranno più gli abbonamenti per le gare interne del Picchio. Ad annunciarlo è stato lo stesso presidente Roberto Benigni in occasione della presentazione dei nuovi acquisti, questa mattina, presso la sede di Corso Vittorio. Pur rimarcando la totale disponibilità al dialogo con la tifoseria, Benigni spiega: “Attualmente non sentiamo la necessità di fare una campagna abbonamenti. Perché? Perché per l’umore attuale dei tifosi non credo che ci sia bisogno. Ma se alcuni club ce lo chiedono“.

Ma il motivo della sua presenza, quest’oggi, era per dare il benvenuto ai nuovi acquisti presentati alla stampa: “Bisogna ricominciare – dice Benigni – e ricominciare significa creare una scacchiera composta da uomini con delle qualità precise (leit motiv di queste settimane, che ripeterà anche il ds Fabiani, ndr). Qualità che piano piano scopriremo: non è in quindici giorni si risolvono tutti i problemi, infatti. Ma state a vedere che gradualmente metteremo insieme una squadra competitiva“. Poi, l’annuncio sugli abbonamenti al quale segue una quasi richiesta fatta alla tifoseria: “Oggi come oggi i tifosi sono scoordinati. Devono creare punti di riferimento perché la società non sa con chi dialogare – dice il presidente -. Vorremmo avere di fronte dei club rappresentativi, come in passato, che abbiano un comportamento adeguato per inseguire tutti insieme l’interesse sportivo. Una voce unica, non migliaia di voci alle quali non si possono dare risposte precise.  Il club è anche un fatto sociale“. E se questi club gli chiedessero di fare una campagna abbonamenti? “Se questi club che rappresentano una grande parte della tifoseria ce lo chiedono va bene. Ma deve essere un interesse generale e non di gruppetti isolati come è già successo con i miniabbonamenti“. “E’ una grande apertura verso i tifosi – dice il ds Fabiani -, che restano una componente importante per noi. Dobbiamo ascoltare le loro critiche, come quelle che arrivano dalla stampa, sempre entro certi limiti”. 

Poi, Benigni, rivolgendosi ai nuovi volti e dopo aver ascoltato le loro parole, dice: “Se giocheranno come si sono espressi oggi c’è da essere fiduciosi. Ricordatevi che ad Ascoli in tanti anni abbiamo sempre avuto giovani che si sono espressi al meglio e che sono cresciuti grazie all’ambiente che c’è. E’ un ambiente frizzante, che non vi lascerà tanto tranquilli, ma solo perché vi vuole vedere impegnati, non solo in campo durante la settimana, ma anche nella vita privata. E’ per il bene vostro“. Ancora ai nuovi: “Il 98 % dei giocatori che sono stati qui è andato avanti: ecco, a voi auguro di farlo, perché se farete bene qui avrete nuove opportunità. Nello sport non si vince nulla senza sofferenza e questa mentalità vi aiuta a superare momenti difficili“.

Il direttore sportivo, invece, spiega le intenzioni societarie in tema di mercato: “Quanto ci sentiamo completi ad un mese dall’inizio del campionato? Siamo come la Terra: in continuo movimento. Fino al 2 settembre saremo vigili su tutto e se la società valuta di poter migliorare la squadra lo faremo. Oggi – continua Fabiani – potete già apprezzare qualche elemento. Vi ripeto che vogliamo giocatori con certe caratteristiche, nella testa, nelle gambe, ma anche nella fede. Non mi piacciono i mercenari. Cerchiamo prima uomini, anche giovani, ma uomini“.  Infine, lunedì 5 agosto verranno composti ufficialmente i gironi di Prima Divisione. Il ds preferisce il raggruppamento A, del nord Italia, o B, meridionale? “Chiedetelo agli altri. Io ho sognato di appartenere al girone A, ma spesso i sogni dicono il contrario di quello che si avverà. Quello meridionale è più difficile? Non è vero“.

Infine, la parola a Domenico ‘Nico’ Stallone, riconfermato nel ruolo di responsabile del settore giovanile. Benigni lo ha definito punto fermo e vera e propria colonna dell’Ascoli Calcio. Lui ringrazia: “Devo dire grazie per la stima e per le parole. I campionati ricominceranno a metà settembre e dopo Ferragosto riprenderanno le nostre attività: Beretti, Giovanissimi, Allievi, ma anche la scuola calcio.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.507 volte, 1 oggi)