ASCOLI PICENO –

ASCOLI PICENO – Anche se il suo volto era tra quelli nuovi visti ieri mattina nella sede bianconera, Marco Schiavino è solo da qualche ora ufficialmente un giocatore dell’Ascoli. Il difensore centrale arriva nel Piceno in prestito puro dal Crotone, anche se la scorsa stagione è stato a Como, contribuendo in maniera decisiva alla salvezza della squadra. La giornata di oggi ha definito anche tre trattative in uscita: Andrea Giallombardo e Vito Falconieri, infatti, dopo settimane in stand by, hanno firmato con il Parma, mentre Zsolt Tamasi andrà nuovamente in prestito al Gubbio.

Spero di confermare quello che di buono ho fatto lo scorso anno – esordisce Schiavino, nato il 25 aprile 1993 -,  anche se so che ci sarà concorrenza in squadra. Io spero comunque di vincerla“. Anche perché “vorrei tornare nella Nazionale di Lega Pro” spiega il difensore che fa del fisico una delle sue armi (alto 1,86). “Ascoli è una piazza importante che ha sempre avuto obiettivi ambiziosi. A noi non resta che dare il massimo per poterli raggiungere“. Ventitrè presenze e un gol lo scorso anno con i lariani per Schiavino che, dopo le 15 da titolare nel girone d’andata, subisce un infortunio al giro di boa del campionato che lo ha costretto per qualche tempo alla panchina. A fine stagione il riscatto, concluso col gol del momentaneo 1-1 nell’ultima giornata di campionato nella sfida salvezza Carpi-Como 1-2. Per lui anche un gol in amichevole estiva contro l’Inter di Stramaccioni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.635 volte, 1 oggi)