ASCOLI PICENO – Sono diciannove i giocatori bianconeri convocati poco fa da mister Pergolizzi per la gara di domani sera che vedrà l’Ascoli esordire in campionato al ‘Del Duca’ contro il Barletta di mister Orlandi. Tra le novità rispetto a Frosinone, i rientri di Scicchitano, ma soprattutto di Manuel Scalise, partente ‘pentito‘ e rimasto per dar mano alla causa. Prima convocazione anche per gli ultimi acquisti Di Gennaro e Russo, quest’ultimo nel ruolo di Edoardo Pazzagli.

Debutto bis al ‘Del Duca’ per l’allenatore ex Palermo. I tifosi (quelli che entrano, sia chiaro) vogliono vedere una buona prova. E’ la prima gara interna e bisogna vendicare la sconfitta di una settimana fa. E da quella parte il discorso di Pergolizzi nell’immediata vigilia del match: “Domenica scorsa abbiamo commesso un errore di posizionamento – spiega – mentre nel secondo, oltre alla marcatura, dovevamo leggere meglio la traiettoria della palla e attaccarla meglio. Ma non ingigantiamo gli sbagli: siamo un gruppo giovane e bisogna mettere in preventivo gli errori. Tutti possono sbagliare e fa parte della crescita“. Senza, però, dimenticare i risultati. E infatti: “Io sono stato il primo a rosicare per la sconfitta, dato che alla maturazione dei ragazzi vogliamo accompagnarci degli obiettivi di classifica. Noi vogliamo arrivare più in alto possibile. Risultati e crescita dei nostri giovani e della squadra vanno di pari passo“.

Magari con una condizione atletica che settimana dopo settimana sale di livello: “Sì, alcuni stanno migliorando la tenuta, altri lo stanno facendo seppur con dei piccoli fastidi. Ma non deve essere un alibi: partita dopo partita – continua Pergolizzi – dovremo essere bravi a giocarcela dal primo al novantacinquesimo. Se lo facciamo, se siamo aggressivi e ci sacrifichiamo allora raggiungeremo i nostri traguardi“.

Sulla prima gara interna: “Dobbiamo affrontare tutte le partite con la giusta mentalità, a prescindere dal fattore campo e dall’avversario: noi durante la settimana leggiamo la sfida e la prepariamo per andarcela a giocare come vogliamo, poi gli episodi ti possono smontare tutto, è chiaro. Ma sempre che voglio undici giocatori che attaccano e undici che difendono“. Compiti per domani già assegnati: “Non dobbiamo lasciare troppi spazi al Barletta, difendono bene e ripartono con velocità. Sarà una partita difficile – prosegue -, specie perché sette dei loro undicesimi titolari sono gli stessi dello scorso anno. Sono ben affiatati“.

Infine, riguardo al modulo: “Forse cambierò qualcosa. Ma deciderò di farlo solo dopo sapere come si schiereranno, se con due o tre attaccanti. La nostra mentalità, invece, rimarrà la stessa”. Prevista, come si sa, una dura contestazione da parte dei tifosi della curva Sud Rozzi, che dalle 18,30 partiranno da piazza Immacolata alla volta del piazzale dello stadio. Diretta web dal ‘Del Duca’ a partire dalle 20.

 

Probabili formazioni.

ASCOLI (4-3-1-2): Piacenti; Bianchi, Schiavino, Scognamillo, Giacomini; Hanine, Pestrin, Capece; Colomba; Tripoli, Vegnaduzzo.

BARLETTA (3-5-2): Liverani; Romeo 6, Camilleri, Di Bella; Cascione, Prutsch, Mantovani, Allegretti, D’Errico; Picci 6.5, Cicerelli.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 861 volte, 1 oggi)