ASCOLI PICENO – Dopo aver riscosso un ampio successo di pubblico, si avvia verso la chiusura il festival internazionale“Settembre in Musica”. Ad ogni appuntamento avrebbero partecipato circa 5 mila persone, secondo l’associazione organizzatrice “Ascoli Piceno Festival”, che ora si appresta a preparare gli eventi di chiusura.

Giovedì 3 ottobre, alle ore 15.30, “Percorsi Piceniporterà la musica all’Istituto agrario: dopo la visita all’azienda scolastica, al museo e al giardino botanico, si terrà un concerto seguito da un aperitivo di saluto. Venerdì 4 è prevista una cena-evento al Caffè Meletti con intrattenimento musicale che sta già facendo registrare il tutto esaurito. Sabato 5 un concerto all’Auditorium della Fondazione Carisap chiuderà la manifestazione. Si esibiranno Joanna e Michal Rot, cantante e pianista, accompagnati da Marco Fiorentini al violino, Laura Pietrocini al piano e Michael Flaksman, direttore artistico del festival, al violoncello.

“Settembre in Musica” quest’anno è riuscito a coinvolgere molti giovani ascolani e stranieri: la scorsa settimana si è tenuto un concerto all’ Auditorium della Casa della Gioventù che ha visto protagonisti oltre 70 ragazzi svizzeri, tedeschi e kosovari, componenti dell’orchestra giovanile di Basilea, insieme agli studenti delle scuole medie ad indirizzo musicale– Istituto Cantalamessa e Istituto Luciani – . I ragazzi hanno tenuto ben 2 concerti e all’esibizione serale ha partecipato anche la Corale Polifonica Cento Torri, guidata dalla maestra Maria Regina Azzara.

Sono stato felicissimo di questa esperienza per i ragazzi– ha commentato il sindaco Guido Castelli, presente agli eventi organizzati alla Casa della Gioventù – e del successo del festival”. Presenti anche altri rappresentanti delle istituzioni come il vice presidente della Regione Antonio Canzian e gli assessori comunali Giovanna Cameli e Massimiliano Brugni.

La prof.ssa Emanuela Antolini, coordinatrice dell’iniziativa scolastisca, ha manifestato molto entusiasmo: “Ecco, la musica abbatte ogni barriera e sviluppa l’amicizia. Nella musica ci sono armonie, accordi, bellezza, tutti elementi che dovrebbero sempre contraddistinguere la nostra vita quotidiana.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 346 volte, 1 oggi)