ASCOLI PICENO – Messa la quinta. La Cestistica Ap vince ancora, questa volta sul campo del Basket Assisi e ottiene il quinto successo stagionale su sei gare. Con il punteggio di 76-59, i ragazzi di coach Maurizio Caponi si confermano corsari in trasferta (tre su tre) e si mantengono in vetta alla classifica con 10 punti, in compagnia di due corazzate, probabilmente le formazioni migliori del Girone B di C2 Marche-Umbria: la Stamura Ancona e l’Amatori Falconara, quest’ultima, con una gara in meno per il riposo, e con una campagna acquisti di primissimo livello. E proprio sabato prossimo alle 21,15 al PalaBasket di via Spalvieri, la Cestistica accoglierà i rivali falconaresi in un big match che si prospetta davvero scoppiettante.

Con tanti giovani indisponibili impegnati nei campionati di Categoria, la squadra del patron Rocco Fazzini si presenta all’appello arbitrale con soli otto tesserati. Ma questo non spaventa Nedwick e compagni che iniziano la gara con la solita determinazione, portandosi in vantaggio sul + 8 dopo i primi 10′: frutto del gioco del play inglese Smikle, autore di 8/19 al tiro, ben coadiuvato da Addazi e dai veloci contropiedi di Nanni. Assisi rispondeva con Mattesini e Trastull che, da soli, segnavano gli 11 punti del primo quarto. Nella seconda frazione gli ascolani aumentano il ritmo e, nonostante numerosi errori dai tiri e sotto canestro, chiudevano il tempo in meritato vantaggio di +17 e limitando con la forte pressione le azioni dei ragazzi di Ceccobelli. Per loro solo 22 punti nei primi 20′.

Al ritorno in campo dall’intervallo lungo, tutti si aspettano la reazione di Assisi che, però, subisce ancora la Cestistica: il + 17 al tabellone si trasforma in + 24. Ma poi qualcosa si rompe: palle perse, tiri affrettati e un pò di sfortuna nelle conclusioni, uniti ad un pò di stanchezza permettevano a Trastulli e compagni di provare la rimonta, grazie anche ai continui e organizzati cambi di Ceccobelli, abile a ruotare la panchina per ridare freschezza ai suoi. Il ‘miracolo’ sembra concretizzarsi nell’ultimo quarto, quando, grazie a due triple ravvicinate, Assisi si porta a -2 dai biancoazzurri a qualche giro di lancetta dal termine. Una gara di assoluto dominio ascolano che si stava trasformando in una debacle. Ma coach Caponi chiedeva l’ultimo sforzo al manipolo piceno che riordinava le idee e riprendeva il suo passo autoritario.

La reazione è rabbiosa, così come Nick Nedwick che, un pò influenzato ma rimembrando di essere primo realizzatore dell’intero campionato, infila una sequenza di 15 punti. Con Addazi battagliero in difesa e produttivo in attacco (6 punti) , con l’aiuto di Ciccorelli e Mattei, gravati di falli e con Smikle che nasconde il pallone agli avversari, ecco anche il contributo dei ‘baby’ Fazzini, Luzi e Mattei, col primo che dalla lunetta stabilisce il definitivo + 17. Continua, dunque, la marcia biancoazzurra, così come cresce l’esperienza dei giovani in rosa. Pur senza tanti aiuti da un territorio in cui il basket non è la prima scelta, la Cestistica tiene testa alle ‘grandi’ del girone, dimostrando che la passione può essere il vero ago della bilancia.

Assisi  5 9
Cestistica AP 7 6 
ASSISI : G. Caputo . 6, Caracciolo 0, Mattesini 6, Trastulli 16, Minieri 1, Cokic 11, Rossi 3, Battistelli 0,  Katarskyi ne, Melone 2, Caputo G. 12, Lisi 2. All. Ceccobelli
CESTISTICA AP : Fazzini 1, Smikle 16, Ciccorelli 6,  Mattei 8, Addazi 10, Luzi 2, Nedwick 27, Nanni 6. All. Caponi
Arbitri : Mammoli di Terni – Acquisti di Perugia
Parziali: 11-19; 11-20; 19-12; 18-25
Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 273 volte, 1 oggi)