ASCOLI PICENO – Giostra e cinema. Inizia ufficialmente l’appuntamento dedicato tanto ai cineamatori quanto agli estimatori della Quintana. Da giovedì 14 novembre a venerdì 15 novembre, la città di Ascoli ospiterà il primo festival cinematografico in cui verranno presentati, i quattordici cortometraggi realizzati da cineamatori locali in gara per raccontare con i propri occhi il Medioevo e la Quintana.

È questo il cuore del primo festival cinematografico che il Gruppo Gabrielli ha fortemente voluto per tributare il folklore e la tradizione legata all’evento della Quintana, rievocazione famosa in Italia e all’estero. Dal 14 al 17 novembre la città di Ascoli ospiterà “Le giornate della storia” un vero e proprio Festival pensato per promuovere la cultura e tramandare le tradizioni locali anche alle nuove generazioni attraverso l’utilizzo della multimedialità per attribuire alla Quintana un appeal nuovo, agile proprio come dei brevi filmati possono fare.

Saranno due i principali appuntamenti che scandiranno “Le giornate della storia”: il primo, in programma il 14, 15 e 16 novembre alle ore 21 all’auditorium Carisap, è il premio dedicato alla memoriadi Massimo Stipa, stimato collaboratore del Gruppo Gabrielli da sempre legato alla Quintana che tributerà il miglior cortometraggio in gara. Tanti gli ospiti che interverranno che contribuiranno a dare lustro all’iniziativa: la prima sera ci sarà Davide Riondino, la seconda Ambrogio Sparagna e nell’ambito della serata conclusiva l’esibizione di Shel Shapiro che farà da preludio alle premiazioni finali.

Il secondo appuntamento in programma è il convegno sui giochi storici, presentato da Massimiliano Ossini e articolato in tre tappe al termine delle quali verranno proposti degli eventi a tema da non perdere. Si inizia il 15 novembre presso Sala Fogolino a Palazzo Roverella con una suggestiva coreografie di bandiere, il 16 novembre in cartellone alla Sala Convegni del Forte Malatesta verrà proposto un monologo di testi cinquecenteschi, infine il 17 novembre alla Sala dei Savi di Palazzo dei Capitani gran finale con un con concerto di musiche inedite medioevali e rinascimentali.

A coronare il tutto, una iniziativa rivolta alle scuole. Per stimolare la creatività dei ragazzi e coinvolgerli nella rievocazione della grande tradizione della Quintana, gli istituti scolastici superiori supportati dal centro studi sui giochi storici, dovranno dare prova di abilità giornalistiche. L’obiettivo del concorso infatti sarà quello di realizzare servizi radiofonici e video oltre che redigere un vero e proprio giornale a tema con rubriche di cronaca, curiosità, interviste e storia. Verrà anche attivata una raccolta di fotografie d’epoca della Quintana con la quale verrà allestita una mostra, un book e un dvd.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 446 volte, 1 oggi)