ASCOLI PICENO – Anche quest’anno prestigiose presenze al Premio Internazionale Ascoli Piceno guidato dal professor Luigi Morganti, che con il suo entusiasmo, spiega la motivazione del premio alla medievista francese Elizabeth Crouzet- Pavan: “è un onore averla premiata, così come è un onore avere qui tutto il gotha degli studi medievali a livello mondiale. Questo premio deve essere il punto forte della nostra città, ma che deve essere motivo per farci conoscere ancora di più nel mondo” è l’idea di Luigi Morganti.

Il sindaco Castelli invece annuncia che è in preparazione “La storia di Ascoli un’edizione enciclopedica in tre volumi che racconterà tutto sul capoluogo Piceno. Il Comune, infatti, ha raddoppiato i fondi all’Istituto Cecco d’Ascoli che realizzerà “l’opera omnia” sulla città delle Cento Torri.

Nel prossimo fine settimana, dunque, Ascoli sarà il centro degli studi Medievali. Sabato 30, evento principale con il conferimento del premio a Elizabeth Crouzet- Pavan, che terrà une lectio magistralis, alle 17,45 al Palazzo dei Capitani.

Morganti prosegue affermando di “temere nel futuro, perchè l’attenzione verso la cultura possa diminuire. Ringrazio il sindaco perchè ha creduto fortemente in questa iniziativa. Se non ci fosse stata la vicinanza delle istituzioni, molte cose non le avremmo potute fare.”

Il sindaco annuncia poi che sta scrivendo a Papa Francescoper invitarlo nel capoluogo nel 2015, in occasione degli otto secoli dalla visita di San Francesco ad Ascoli. “Non è semplice scrivere ad un pontefice, ma mi dicono che lui apprezzi molto queste cose e quindi cerchiamo di far visitare la nostra città ad un Papa. L’ultima volta è stato nel 1856, con Pio IX”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 283 volte, 1 oggi)