ASCOLI PICENO – “I buoni risultati del bando fatto nel 2011 ci hanno spinto a realizzare un’altra iniziativa per i più deboli”. E’ il pensiero del presidente della Provincia, Piero Celani presentando il nuovo bando a favore di disoccupati e disabili, colpiti dalla crisi che ancora morde nel Piceno.

Si tratta di un’esperienza lavorativa, della durata di 6 mesi, durante la quale i potenziali 200 beneficiari saranno impegnati per 20 ore settimanali presso imprese private, studi professionali e, solo, per gli iscritti alla legge 68/99 anche presso enti pubblici. In tutto, le risorse provenienti dal Fondo Sociale Europeo, ammontano a 600 mila euro. Ogni borsista, a cui sarà erogato un compenso di 400 euro mensili, sarà affiancato da un tutor che farà da riferimento con le aziende di riferimento. Il termine per presentare la domanda è fissato al 20 gennaio 2014.

“Nel 2014 si prospetta una ripresa, come anche affermato da Paolo Mieli, che è intervenuto negli scorsi giorni ad Ascoli. Speriamo sia davvero di buon auspicio, anche se la situazione rimane diffcilissima”, afferma Celani. “Abbiamo esaurito tutte le risorse europee a nostra disposizione. Tutte le opzioni possibili per rilanciare il lavoro, noi le abbiamo sfruttate. Vediamo una ripresa della produzione, ma non dell’occupazione” conferma il presidente della Provincia.

“Il Servizio Politiche Attive del Lavoro è a disposizione dell’utenza, assicurando massima collaborazione per qualsiasi procedura da espletare nell’ambito di un progetto molto sensibile e vicino alle aspettative della nostra comunità provinciale” ha confermato l’Assessore al lavoro Aleandro Petrucci.

“I destinatari dell’intervento – ha aggiunto la Dirigente dott.ssa Matilde Menicozzi – devono risultare disoccupati o inoccupati, essere iscritti ai Centri per l’Impiego, essere residenti nelle Marche, non godere di nessun ammortizzatore sociale e avere una certificazione dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE) riferita al proprio nucleo familiare per il periodo di imposta 2012 inferiore ai 16 mila euro annui. Si ricorda che ogni domanda deve essere compilata secondo i modelli disponibili sul sito Siform”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.022 volte, 1 oggi)