ASCOLI PICENO – L’avventura parte da Pechino: in risposta ai numerosi prodotti di manifattura cinese che invadono il nostro mercato, le pmi picene della moda e dell’ abbigliamento sono pronte a sbarcare in uno dei mercati che fa più gola. Per questo è necessario far conoscere agli imprenditori della zona su come poter internazionalizzare le loro produzioni.

L’iniziativa  promossa Piceno Promozione, ente speciale della Camera di Commercio e la Cna di Ascoli, parte da dati positivi sulle esportazioni delle Marche: nel primo semestre del 2013 la nostra regione ha registrato un incremento delle esportazioni.

Fra le province marchigiane quella di Ascoli, sempre per incremento percentuale, è ai primi posti. “Dati incoraggianti in un momento in cui il fatturato delle imprese ha bisogno di essere salvaguardato e sostenuto a ogni costo – spiega Gino Sabatini, presidente della Cna di Ascoli – che confermano l’importanza dell’azione che come Cna stiamo facendo per formare imprenditori e dipendenti sui meccanismi dell’Internazionalizzazione”.

“Come Cna stiamo lavorando da mesi – precisa Fancesco Balloni, direttore della Cna Picena – a un percorso di informazione, formazione e accompagnamento per le imprese che hanno produzioni che possono essere internazionalizzate. Informazioni soprattutto sugli strumenti, soprattutto finanziari, in grado di supportare in questo percorso anche le piccole e piccolissime imprese. Una vera e propria azione di educazione bancaria e finanziaria. Chiamiamo a raccolta molti nostri imprenditori per fornire loro importanti informazioni utili per avviare o incrementare i rapporti con i mercati esteri attingendo a strumenti e risorse fatte su misura per aziende di piccole dimensioni”.

Primo appuntamento per le aziende interessate all’enorme mercato cinese, dal 26 al 29 marzo a Pechino. “Chic” è il titolo della campionaria che si svolgerà nella capitale cinese e che raccoglie tutti i settori della moda, del tessile e dell’abbigliamento. “Stiamo lavorando – conclude Gino Sabatini, presidente regionale Cna e presidente di Piceno Promozione – con sinergie istituzionali e altro per abbattere il più possibile i costi di partecipazione. Un imperativo per aprire questo importantissimo mercato anche alle piccole e piccolissime imprese del nostro territorio che producono eccellenza ma hanno ovviamente budget ridottissimi per l’Internazionalizzazione”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 163 volte, 1 oggi)