ASCOLI PICENO – Forse per loro non sarà cambiato poi tanto. Forse avvertiranno ancora incertezza, abbandono e amarezza. Ma qualcosa si sta muovendo. Alberto Bianchi, 33enne difensore dell’Ascoli, fa il punto in casa bianconera dopo la sentenza di fallimento di martedì scorso. “Sembra un paradosso – dice -, ma credo che in questo momento sia stata la cosa migliore che potesse succedere“. Vallo a spiegare a quei tifosi che ancora non si rassegnano. Ma attenzione, le sue parole sono pesate: “Mentalmente, per tutti, significa che adesso almeno sai cosa può succedere, prima era tutto oscuro. Ma i problemi – continua l’ex Spezia – restano e sono ancora tanti. Resta comunque un punto di partenza importante per l’Ascoli: la società e la piazza sono appetibili e qualcuno che entra ci sarà sicuramente“.

I problemi sono ancora tanti, già. Specie nella mente di chi ha la valigia già pronta sull’uscio di casa. “A gennaio qualcuno andrà via sicuro, anche se sono scelte che vanno ponderate bene: in questo momento le richieste non fioccano per nessuno. Noi tempo fa ci siamo detti: fino a gennaio daremo tutto, poi ognuno sceglie e sarà sempre ben visto dal gruppo“. Sui tifosi e sull’entusiasmo in parte ritrovato, dice: “Cercheremo di aumentarlo facendo una bella prova domenica a Nocera. L’entusiasmo della gente è forse la cosa che è cambiata di più rispetto a prima, dato che per il nostro quotidiano è tutto com’era. Ma in città, è vero, si respira unì’aria diversa. Noi – continua – cercheremo di far tornare la gente ascolana allo stadio“.

Intanto domani c’è la gara con i rossoneri di Fontana: “Sono in un buon momento, anche se nel recupero hanno perso. Giocano in casa, ma hanno anche loro i problemi in società e con i tifosi. Si incontrano due squadre vogliose dei tre punti“. Speriamo che in difesa non vengano commessi errori che in questo girone di andata sono costati caro: “In quasi tutte le partite la coppia centrale era molto giovane. Io ho visto tutte le gare (è stato fuori per infortunio un mese e mezzo, ndr) e i miei compagni hanno spesso azzeccato la prestazione, salvo poi commettere qualche leggerezza che pregiudicava quasi tutto. E’ un percorso di crescita che si deve fare sperando che gli errori commessi non pesino più di tanto“.

Intanto ieri, durante l’allenamento, al ‘Città di Ascoli’ si è svolto un incontro tra il curatore fallimentare Walter Gibellieri e l’esponente della tifoseria Gianni Luzi, alla presenza dell’addetto stampa bianconero. Al centro del tavolo la fissazione dei prezzi per i biglietti della gara col Frosinone e altre iniziative per coinvolgere la piazza ascolana. Nei prossimi giorni verranno rese ufficiali tariffe e altre decisioni.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 740 volte, 1 oggi)