ASCOLI PICENO – “Sono stato fortunato. Ho rischiato, per colpa di un infortunio, di non poter più correre con le moto”. Ci racconta Riccardo Rossi, giovanissima promessa marchigiana e campione in erba, che tra poche settimane esordirà nel Campionato Italiano Velocità 2014. Lo abbiamo intervistato per i lettori di Piceno Oggi.

Quando hai cominciato a correre con le moto?

“Ho iniziato a sei anni, con le mini moto, per gioco. Da piccolissimo ero già un fan della velocità. Da subito iniziai a spiegare a mio padre come si facevano alcune traiettorie ed un signore,che era lì in quel momento, mi promise di regalarmi una moto se avessi compiuto alcuni giri in un tempo prestabilito. Cosa che avvenne veramente”.

Come si svolge la tua giornata tipo?

“Mi alleno cinque volte a settimana con il mio preparatore Mauro Iachini e con lo staff della palestra Wellness 2.0 e in piscina con la supervisione di Laura Alesi. Con il mio nuovo team, nei mesi invernali, andiamo spesso in pista in Spagna e Francia per prepararci al campionato che inizierà alla fine di marzo. Correrò con la Delta Racing di Roma, con una Honda 250, 4 tempi ed equipaggiata con il kit Geotechnology, il top in fatto di tecnologia applicata ai motori.”

Hai detto che hai rischiato di non poter correre. Cosa ti è capitato?

” Qualche anno fa mi sono rotto cinque vertebre e sono stato fermo due anni. Ho rischiato la carriera e non solo, perchè la colonna vertebrale poteva essere stata interessata dalla caduta. Per fortuna, ho avuto ottime cure e ho deciso di tornare a correre, nonostante i rischi”.

Hai avuto modo di confrontarti con qualche campione affermato?

” Da molto tempo conosco Romano Fenati. Siamo molto amici e siamo anche andati a scuola insieme. Le mie prime corse in moto le ho fatte insieme a lui.”

Hai qualche modello di riferimento, che ammiri particolarmente?

“Mi è sempre piaciuto Scott Redding (pilota inglese di Moto2, ndr) e, per quanto riguarda gli italiani, ho sempre ammirato Marco Melandri, che ora disputa la Superbike con l’Aprilia”.

Quali sono i tuoi obiettivi per il 2014?

“Sicuramente fare un buon campionato e arrivare al mondiale, poi si vedrà. Non sarà facile, perchè i miei rivali sono agguerritissimi. Ma vincere è il desiderio di tutti. Lotterò per questo”.

Non ci resta altro che augurare a Riccardo un grandissimo in bocca al lupo!

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 763 volte, 1 oggi)