ASCOLI PICENO – Dopo la rottura con L’Alveare, è Sel di Ascoli a tirare per la giacca il Pd cittadino, chiedendo immediate primarie di coalizione: “Basta tergiversare in attendismi incomprensibili e logoranti, che stanno facendo deflagrare la coalizione di centrosinistra. Dobbiamo riaprire ora e subito il cantiere largo dell’alternativa, a partire da primarie di coalizione aperte a tutti i partiti e a tutte le realtà associative di Ascoli Piceno”

“Il circolo di Sinistra, Ecologia e Libertà di Ascoli Piceno – si legge nella nota stampa – chiede ufficialmente al Partito Democratico che la data del 9 marzo del 2014 sia destinata a Primarie di coalizione. Primarie fatte non solo di nomi ma di idee, in cui si possano confrontare progetti e programmi e in cui i cittadini di Ascoli Piceno possano scegliere la proposta di governo da mettere in campo”

“Solo in questo modo potremo tendere di nuovo la mano al movimento civico L’Alveare e a tanti altri movimenti e realtà cittadine, che si tengono ben distanti da un Partito democratico trincerato da mesi in un bunker di silenzio e di chiusura. Come abbiamo già detto non vogliamo intervenire nel dibattito interno del Partito democratico, che come ogni partito ha tutto il diritto di fare le proprie valutazioni interne, ma il tempo a disposizione sta finendo anche per Sel. O il Partito democratico dà un segnale di volere vincere queste elezioni amministrative e cambiare verso alla città di Ascoli a partire da un programma innovativo e d’avanguardia sui temi dell’ambiente, dei diritti individuali e sul lavoro, della redistribuzione equa e solidale dei fondi, dell’assistenza ai più bisognosi e della trasparenza del bilancio, oppure anche per Sel – Ascoli potrebbero seriamente aprirsi altri tipi di riflessione” continua.

“Riapriamo la partita, chiediamo al Partito democratico un atto di coraggio. Usciamo tutti assieme fuori da questo limbo estenuante. Facciamo del 9 marzo la data inaugurale di una grande campagna elettorale che, con parole limpide e chiare, dica alla cittadinanza ferita e schiacciata dalla crisi economica che una altra Ascoli, equa e solidale, è possibile. Il circolo Sel di Ascoli Piceno ha la sua candidatura da offrire al dibattito, un nome di unità e di pacificazione tra tutte le anime del centrosinistra ma anche di dialogo con il mondo delle associazioni culturali e della società civile cittadina” si legge nella nota del circolo.

Comunicato che termina così: “Noi mettiamo a disposizione il nostro modo di fare politica, cioè l’umiltà dell’ascolto, la ricerca del confronto e delle scelte condivise, il metodo del dialogo e il rispetto delle dversità, valorizzando ciò che unisce piuttosto che accentuando ciò che divide, avendo sempre come obiettivo il bene comune e la costruzione di progresso e democrazia. Questo è l’impegno che mettiamo a disposizione. Riapriamo la partita, deponiamo gli egoismi personali e gli interessi di fazione per un atto di amore e di generosità nei confronti di Ascoli oltre che di una intera comunità politica che non merita questa situazione di stallo e delusione preventiva”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 220 volte, 1 oggi)