ASCOLI PICENO  –  I bambini delle elementari imparano ad interagire con il cane. Questo è il principale punto del progetto Pet Therapy, che è stato presentato presso la scuola elementare “Don Giussani” di Ascoli.

La Pet Therapy è l’azione che si svolge tra aninale e uomo, un azione ricca di significato affettivo, relazionale, comunicativo e cognitivo. Si tratta di un processo educativo volto al benessere fisico, mentale e sociale per migliorare significativamente la qualità della vita.

“L’approccio con l’animale per i bambini significa esprimere al meglio le proprie emozioni, riportandole tramite disegni e collage” aggiunge Rossella Gueli, che insieme a Silvia Luzi e Gioia Musati hanno ideato l’interessante iniziativa, “i bambini approcciano un cane felice e tranquillo, ben addestrato che  è sempre ben disposto a stare con l’uomo. Ovviamente il cane nervoso e agitato non è adatto a questo scopo.”

“Attraverso attività ludico-ricreative che si riferiscono all’animale e al contatto con esso, la Pet Therapy aiuta i bambini nei momenti critici della crescita, stimola il senso di responsabilità , favorisce l’acquisizione di conoscenze e assume il ruolo di mediatore emotivo, favorendo i processi di socializzazione” , aggiunge l’assessore Giovanna Cameli ” da ciò possiamo comprendere il valore immenso della presenza di un animale a scuola, come maestro d’educazione”.

Il progetto propone requisiti imprescindibili di sicurezza, perchè il cane con cui si collabora è un quadrupede educato alla relazione con l’uomo. In particolare, ha una grande complicità con il suo conduttore che è mediatore della relazione dell’animale con il fruitore.

L’animale può essere per i bambini di ogni età un agente strutturante, un mediatore emotivo e permette al bambino di strutturarsi nelle sue diverse capacità, giocando costantemente ruolo e funzioni di mediatore con i suoi compagni umani e di “sostituto affettivo” o “base sicura”.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 518 volte, 1 oggi)