ASCOLI PICENO –  “Da oggi parte il percorso per il 25 maggio. Giancarlo ha il cuore e l’umiltà per seguire questo percorso. Lui sa infondere serenità.” Così Francesco Ameli, consigliere comunale del Pd che ha presentato il candidato sindaco di Pd, Sel, Ascoli cambia verso e Articolo 1, Giancarlo Luciani Castiglia, davanti a molti candidati delle liste a suo sostegno

Proprio Castiglia afferma che “ora partiamo per questa avventura, ma non in modo incosciente. Il nostro avversario è già partito da tempo, ma noi recuperemo il terreno perso con le nostre idee, combattendo voto per voto e oggi ripartiamo da qui. Vogliamo rinconquistare la città e amministrarla veramente, non con il vuoto di questi 15 anni. In città c’è diffuso malcontento, perchè non si è voluto dare un futuro alla città, una città che sia veramente gestita in modo trasparente. Il bilancio deve essere compreso dai cittadini per capire come vengono spese veramente le risorse.

Castiglia poi ha spiegato il programma della coalizione. “Ascoli è al 77° posto in Italia nella classifica delle smart city, mentre la raccolta differenziata è solo al 40%, non c’è una presenza significativa di verde urbano. Ascoli deve essere tutta bella, non solo il centro storico. Migliorare la viabilità e la vita delle frazioni. La Sgl Carbon deve essere il futuro strategico e bisogna sfruttare quest’occasione. Quest’area di 27 ettari inquinata deve essere rilanciata. Il modello industriale come era concepito una volta è finito, ora si va verso un nuovo modello economico. Puntare sul turismo e sulla centralità della cultura, a tutti i livelli. La crisi economica morde ancora ed è necessario fornire strumenti contro le nuove povertà. Ridare nuovi spazi alla città e ai luoghi non sfruttati adeguatamente.”

Castiglia si sofferma anche sul tema dello sport, “siamo felici che l’Ascoli Calcio, patrimonio della città, sia statto salvato, ma non deve esistere solo il calcio. Le altre attività sono praticamente inesistenti, non ci sono strutture adatte. Lo stadio deve essere messo al servizio della città. Ascoli deve essere in grado di attrarre professionisti da tante altre parti. C’è tanto da fare, mettiamoci il cuore e mettiamoci al servizio della nostra amata città”.

Interviene anche Valentina Bellini, già candidata alle primarie: “noi raccogliamo la sfida che ci vede convinti, contro altri 5 anni di nulla. Dall’altra parte c’è solo l’ossessione del comando e una campagna elettorale faraonica, uno schiaffo in faccia alle tante difficoltà della città. Castelli vuole coprire questo vuoto con questa propaganda. Noi abbiamo un’idea di totale cambiamento, con persone come Giancarlo che non devono prendere niente alla politica, ma solo devono dare.” Il consigliere comunale annuncia la presenza per il 2 maggio del capogruppo alla Camera del Pd, Roberto Speranza  e il giorno successivo con Simona Bonafè, candidata alle Europee.

Anche Rita Forlini per Sel prende la parola: “sono stati giorni faticosi iniziati con le primarie. La nostra lista rappresenta i talenti di questa città. Noi mettiamo al centro i temi del sociale. Non c’è futuro senza consapevolezza del passato. Tutti devono sentirsi protagonisti”. L’ex candidata alle primarie ricorda l’arrivo di Nichi Vendola ad Ascoli, che  il 2 maggio  sarà davanti  alla Haemonetics.

Patrizia Di Luigi della lista “Ascoli cambia verso” aggiunge che “noi stiamo dando un’apporto al nuovo modo di fare politica. Amministrare una citta e renderla vivibile. E’ una scalata faticosa da cominciare insieme”.

Anche l’ex direttore dell ASL ascolana Mario Maresca è candidato nella stessa lista e ricorda che ” E’ venuto il momento di sporcarmi le mani e mettermi in gioco. Voglio dare il mio contributo alla città dove ho scelto di vivere”.

Andrea Quaglietti di Articolo 1 aggiunge che “il lavoro è la priorità. Noi ci giochiamo questa partita per vincerla con il gioco di squadra. La politica riparta. Dobbiamo battere il sindaco Castelli”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 1.259 volte, 1 oggi)