ANCONA – Un morto e forse un disperso a Senigallia a causa dell’alluvione. Un anziano di 86 anni, Nicola Rossi, è morto in casa per un malore: l’ambulanza non è riuscita a raggiungerlo a causa delle strade Rse impraticabili dalla pioggia, e quando un’elimabulanza con un medico a bordo è arrivata sul posto era troppo tardi.

Strade e sottopassi allagati si segnalano in molte zone. La frazione di Vallone, nel Senigalliese, è stata evacuata e le persone sono state portate in due scuole attrezzate per l’emergenza. I vigili del fuoco hanno raggiunto in gommone alcune abitazioni rimaste isolate a Chiaravalle. Il Cesano è esondato nella frazione di Brugnetto di Senigallia, invadendo campi e strutture produttive. Rialzate le sponde del Misa, mentre a Pesaro preoccupa l’onda di piena del Foglia, attesa per le 17:30 circa nella zona industriale. In molte località le ambulanze sono bloccate dall’acqua, e il trasferimento dei malati in ospedale viene garantito dall’elisoccorso.

A coordinare gli interventi è la Sala regionale di Protezione civile, mentre sono aperte la Soi della Provincia di Ancona e il Coc di Senigallia.

Problemi in tutta la regione per la viabilità, a causa di frane e smottamenti. Chiusa in entrambe le direzioni la Sp 360 Arceviese, per l’esondazione di un torrente fra Casine di Ostra e Pianello.

Un tratto della strada statale 77 Val di Chienti è rimasto chiuso per alcune ore dal km 108,000 al km 109,900, nel comune di Civitanova Marche. Case e auto danneggiate dalle infiltrazioni nel Fermano, a Porto San Giorgio e Lido di Fermo, dopo il sistema fognario non è riuscito ad assorbire la massa d’acqua.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 449 volte, 1 oggi)