Riceviamo e pubblichiamo il comunicato del Movimento 5 Stelle Ascoli Piceno

 

“Il maltempo di questi giorni dovrebbe riporre l’attenzione sul fatto che il comune di Ascoli è in grave ritardo nella presentazione del piano di protezione civile. È un fatto, imbarazzante e estremamente pericoloso, che comporta gravi rischi per i Cittadini in caso di emergenze, per l’assenza di strutture, risorse e organizzazione in grado di limitare i danni di un disastro naturale o ambientale, nonché la non erogabilità dei finanziamenti regionali delle opere di pronto intervento (per l’art. 3 DGR 9/924 del 1/12/2010), cioè ulteriori danni economici, perché appunto se non c’è un piano comunale non vengono dati questi fondi.

È l’ennesima prova dell’assenza di una seria pianificazione da parte dell’attuale classe politica, sia nel programmare lo sviluppo economico del territorio, sia nel tutelare la salute dei Cittadini, nei casi già conclamati di danno ambientale, come le situazioni di area-Carbon e OCMA, come nella preparazione di adeguate misure per casi di emergenza. Oltre alle sempre possibili emergenze naturali, abbiamo per esempio diverse fabbriche, tra le quali la Deatech, che sono ad elevato rischio di incidente ambientale rilevante (secondo la normativa Seveso 2). Il comune è tenuto ad informare la popolazione sui rischi e sulle procedure di una eventuale evacuazione a seguito di un incidente. Non lo ha ancora fatto.

C’è un’ulteriore aggravante: a fronte della scarsità di risorse umane pubbliche – gli stessi vigili urbani si sono lamentati della mancata apertura della Sala Operativa Provinciale, che conta solo 2 impiegati che umanamente non possono coprire le turnazioni continue richieste da queste situazioni, i vigili del fuoco lamentano invece carenze, oltre che di risorse, nel coordinamento – … a fronte di questo ci sarebbe la disponibilità di volontari, già formati in numerosi corsi, che avrebbero potuto insediarsi all’interno della SOI, attraverso turnazioni programmate a disposizione delle Istituzioni. Ma questa soluzione a qualcuno non piace…

Difficile dire se si tratta di incapacità, incompetenza o completo disinteresse per l’incolumità dei Cittadini.

Come MoVimento 5 Stelle Ascoli Piceno ci impegniamo a dare massima priorità alla sicurezza della Cittadinanza con tutti gli strumenti utilizzabili a livello comunale, con piena collaborazione, organizzativa e fattiva, con i vari enti del territorio e con le associazioni di settore, e mettendo in agenda attività essenziali come la protezione civile prima delle opere di ordinaria manutenzione, spesso di dubbia o comunque di non urgente utilità, e concentrate in campagna elettorale, violando la legge sulla par condicio e il principio di imparzialità nell’agire amministrativo stabilito dall’articolo 97 della Costituzione. Opere che sono belletto elettorale e che sembrano l’unico interesse reale dell’attuale amministrazione, a scapito di tutto ciò che realmente e strategicamente servirebbe alla Città.

È molto triste dirlo, ma rispetto a possibili disastri, così come per pianificare il nostro futuro, senza cambiare classe politica, sistema e metodo, non ci resta che fare gli scongiuri.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 174 volte, 1 oggi)