ASCOLI PICENO – Le eccezionali precipitazioni che hanno colpito il Piceno nel fine settimana hanno provocato una serie di smottamenti con danni ingenti e diffusi sulla rete della viabilità di competenza. La Provincia si è mobilitata con tutti gli uomini, mezzi e strutture tecniche disponibili per ripristinare la normale circolazione e minimizzare ogni possibile disagio per gli automobilisti e le comunità interessate.

Tuttavia, a scopo cautelativo e per garantire la pubblica incolumità, il Servizio Viabilità dell’Ente ha disposto la chiusura al transito di alcune strade provinciali, anche se la situazione è in constante evoluzione perché sono in pieno svolgimento sia gli interventi di ripristino sia i sopralluoghi da parte dei tecnici per valutare, caso per caso, se le ragioni di prudenza che hanno determinato l’attuale chiusura possano essere superate consentendo quindi, nei prossimi giorni, una riapertura alla circolazione delle arterie interessate, salvo, naturalmente il mantenimento dei divieti per particolari esigenze di sicurezza o per motivi d’indispensabile prolungamento tecnico degli interventi in atto.

Attualmente sono quattro le strade provinciali chiuse al transito tutte a causa di frane che hanno invaso la carreggiata. Si tratta della S.P. n. 238 ex SS. 433 Valdaso, dal Km. 39+350 al chilometro 39+500, nel territorio del Comune di Comunanza: in questo caso il traffico è deviato sulla S.P. n. 187 Villa Pera – Ponte Aso. Nel Comune di Palmiano il divieto di circolazione vige sulla S.P. n. 184 Tavernelle, al chilometro 1+200 con traffico veicolare deviato sulla S.P. n. 93 Venarottese e sulla S.P. n. 65 Palmiano. Nel Comune di Montalto delle Marche è chiusa al transito la strada provinciale n. 218 Sant’Emidio, al chilmetro 1+800 con conseguente deviazione sulla S.P. n. 23 Cuprense e sulla S.P. n. 144 SS. Annunziata. Infine, nel Comune di Montefiore dell’Aso, è stata chiusa la S.P n. 6 Bore – Aso al chilometro 0+500 con obbligo di deviazione sulla strada provinciale n. 251 Santa Maria delle Fede.

 

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 516 volte, 1 oggi)