ASCOLI PICENO –  Sala Docens affollatissima per la visita di Massimo D’Alema: “Io ho idee diverse da Renzi ma deve essere sostenuto perché è l’unica speranza che abbiamo”

L’ex segretario del Pds è giunto in città per sostenere la candidatura di Giancarlo Luciani Castiglia per il Comune di Ascoli  e Manuela Bora e Roberto Gualtieri, per le Europee.

Castiglia ha ricordato che “uno dei temi importanti sono i giovani. Il tema europeo non è comunque disgiunto dal tema locale. Questa città non ha una visione europea e senza l’Europa non si va da nessuna parte. E’ necessario intercettare i fondi europei, vitali per lo sviluppo della città”.

Manuela Bora, unica marchigiana nelle liste del Pd della circoscrizione Centro ha aggiunto che “la strategia della macroregione si basa su alcuni pilastri fondamentali. Bisogna rilanciare questo progetto.Io corro per vincere e conto sulle Marche”.

L’eurodeputato uscente, Roberto Gualtieri: “la Commissione Europea, per la prima volta, diventerà politica e non più tecnica. Un voto dato a Grillo o Tsipras favorirà il Ppe. Bisogna completare l’Europa che non sia solo Euro. Determinare una svolta rispetto ai conservatori.”

Poi ha preso la parola D’Alema: “Anche Ascoli ha il dirtto di cambiare. L’Italia vive un’incertezza profonda, così come molti paesi europei sono in crisi come noi. C’è un clima di totale sfiducia. Da noi questa incertezza è presente, non sappiamo come finiranno le elezioni.  Mi infastidiscono i sondaggi, io sono all’antica e ci siamo già rimasti male diverse volte. Dobbiamo interpreare le ragioni profonde dell’incertezza del cittadino e aiutarli a non sbagliare. C’è il rischio di avere un Europa ingovernabile. Io sono di idee diverse da Renzi, ma deve essere sostenuto, perchè è l’unica speranza che abbiamo. Che idea si possono fare a Bruxelles, dopo avergli dato un impresario, che l’Italia venga rappresentata da un comico? Con i grillini nessuno ci prenderà sul serio. Sostenere l’unica possibilità di governo che offre la politica italiana. Il partito deve essere unito per vincere ed avere una svolta di cui abbiamo bisogno. In Europa portiamo il confronto delle idee. Le politiche neolibertista hanno portato effetti negativi, è l’ora di una svolta. L’obiettivo è creare occupazione e creazione di lavoro. Una società basata solo sulla proprietà è una società vecchia. L’Europa è forte solo se è unita ed è il Continente che ha avuto grandi conquiste in tanti campi. Il governo europeo influenzerà la vita di tutti. Il voto utile è quello dato al Pd, per un’Italia che conti di più e per cambiare verso all’Europa”.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 523 volte, 1 oggi)