ASCOLI PICENO – Senza dubbio complice la crisi che sta attanagliando in particolar modo Ascoli, anche la situazione dei furti nelle attività, oltre che nelle abitazioni, sta diventando incandescente. A esser prese di mira sono esercizi d’ogni genere, dall’abbigliamento all’alimentare, fino ad arrivare alla ferramenta. In questi giorni l’ennesimo furto è stato perpetrato al Bricocenter vicino al centro commerciale “Al Battente”, che ha dovuto sporgere l’ennesima denuncia alle Autorità.

La Direzione del negozio, dopo avere monitorato una serie consistente di furti, ha deciso correre ai ripari. Oltre ad un servizio anti-taccheggio fatto da un’agenzia qualificata, abbiamo deciso di installare delle barriere per rilevare i furti. I risultati si sono fatti subito sentire: tre denunce ad aprile e una la settimana scorsa, oltre a numerosi fermi. La merce indebitamente sottratta è recuperata è di vario genere: dagli utensili manuali, alle lampadine alle punte per trapano.

“La situazione era diventata insostenibile – ha dichiarato il Direttore – Abbiamo deciso di chiamare quest’agenzia e installare questo impianto di sicurezza e i risultati sono arrivati subito nel giro di pochi giorni”. Purtroppo il dilagare dei taccheggi in tutta la Città ed anche in zone periferiche sta infliggendo un ulteriore duro colpo a uno stato già drammatico per le transazioni commerciali. Gli operatori sono ormai presi dallo sconforto e costretti anche a ricorrere, come nel caso del Bricocenter, a misure che assottigliano la redditività, fermo restando la competitività del prezzo di mercato. Più che opportuno, sarebbe necessario un maggior dispiego di forze da parte delle Autorità competenti, che quantomeno dovrebbe svolgere un ruolo deterrente.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 874 volte, 1 oggi)