ASCOLI PICENO – Venerdì 16 maggio 2014 alle ore 17.00 presso la sede dell’Archivio di Stato, via S. Serafino da Montegranaro 8/C, si terrà la cerimonia di consegna della terza edizione del Premio per tesi di laurea “Don Giuseppe Fabiani”.

Il Premio è stato assegnato al dott. arch. Stefano Carboni per la tesi dal titolo “La chiesa di Sant’Andrea Apostolo in Ascoli Piceno. Studio storico ed ipotesi di restauro”. L’arch. Carboni, ascolano, si è laureato in Architettura presso l’Università di Camerino, Scuola di Architettura e Design “Edoardo Vittoria” con sede ad Ascoli Piceno, relatrice la prof.ssa Simona Salvo che sarà presente alla cerimonia.

Il Premio di Laurea dedicato all’illustre storico ed educatore Don Giuseppe Fabiani è stato istituito dalla Fondazione che porta il suo nome per contribuire alla crescita culturale del Piceno con l’intento di promuovere ulteriormente le attività di studio e ricerca sviluppatesi a livello universitario nel nostro territorio.

Il Premio è stato attivato in collaborazione con l’Archivio di Stato di Ascoli Piceno in quanto, memori dell’insegnamento di Fabiani, le tesi presentate devono avere come base la ricerca delle fonti archivistiche e per oggetto un argomento inerente la storia della città di Ascoli Piceno, dei suoi monumenti e del suo territorio.

La tesi dell’architetto Carboni si è rivelata particolarmente interessante, perché consente di far conoscere le principali fasi di trasformazione dell’importante complesso architettonico ascolano in base ai dati desunti dal rilievo diretto della fabbrica, indagata nei suoi elementi compositivi, tecnici e decorativi  e posta in relazione con esempi significativi, dello stesso periodo storico e in differenti contesti territoriali.

Le fonti documentarie oggetto della ricerca sono costituite da diversi fondi; in particolare è stata svolta una minuziosa ricerca nell’Archivio di Stato di Ascoli, nell’Archivio Vescovile nonché nell’Archivio Iconografico, nella Biblioteca Comunale di Ascoli Piceno. Inoltre, sono stati consultati l’archivio della Sovrintendenza per i Beni Architettonici delle Marche e l’Archivio storico del Sovrano Ordine dei Cavalieri di Malta presso la sede di Roma.

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 207 volte, 1 oggi)