ASCOLI PICENO –  E’ un grido di allarme quello che giunge dai commercianti della centralissima Corso Mazzini, che percorre interamente il centro del capoluogo delle Cento Torri.

Oscar Ferretti, di “Oscar Bar” afferma che ” con la chiusura della strada, abbiamo avuto tremende ripercussioni: niente posto auto e non sappiamo più dove parcheggiare, mentre il mercato qui vicino è stato spostato. Il nostro lavoro è stato dilaniato da questi lavori e da questa chiusura. Ho anche il dispositivo di Lottomatica e non lo posso più sfruttare.

Davide Salvucci , che gestisce un’edicola, aggiunge che “a volte abbiamo dovuto chiudere il pomeriggio. I danni dei lavori sono perenni, dovevano durare 4 mesi e invece sono 13 mesi che subiamo questi grandissimi disagi. Purtroppo nessuno ci ha aiutato mentre Alessandro Tozzi del “Caffè Italia” sottolinea che “non si lavora più, con tante spese fisse mentre gli incassi sono diminuiti del 60%, il mercato, che ci dava ossigeno, è stato spostato e i parcheggi sono evaporati. Chiediamo che il mercato torni qui e che la via venga aperta al più presto”.

Emidio Angelini di “Michael Bar”: “a parte i lavori, ancora la strada non è stata riaperta, noi qui siamo in un deserto. Deve essere riaperto il traffico oppure dirottare qui il mercato.”

I titolari del Bar “Tazza d’oro” concludono dicendo che “noi non siamo lavorando più. Ho perso moltissimi clienti. Sono 7 mesi che abbiamo problemi continui.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 808 volte, 1 oggi)