ASCOLI PICENO – Si cercano nuovi volontari tra le nuove leve. Così la Croce Verde ascolana prosegue il suo rapporto con le scuole cittadine.  Il culmine, questo venerdì alle ore 21 al Teatro Ventidio Basso con una serata di benefienza per l’assiciazione di volontari ascolana.

Il rapporto di collaborazione con ISC Luciani nasce tre anni fa, nel 2011, quando alcuni professori delle medie dell istituto, sentirono il bisogno di far partecipare ad attività con esclusivo fine “sociale” i propri allievi.

La Croce Verde colse al volo l’opportunità vedendo in quel progetto la creazione di un vero e proprio vivaio di volontari. Il programma che si ripete da tre anni ha avuto lo stesso svolgimento e  il coordinatore, Prof Gabriele Di Buò ha chiesto agli alunni delle medie (della prima, seconda e terza) se e quanti alunni erano vogliosi di approfondire il tema del primo soccorso; successivamente a questa prima selezione, mediamente 70 studenti prendono parte a due lezioni teoriche ed una pratica presso la sede della Croce Verde, in zona Marino del Tronto. Nell’ultima lezione vengono sottoposti ad un test scritto di verifica dell’apprendimento: i più motivati e meritevoli sono stati successivamente coinvolti in una simulazione con delle cavie.

In occasione delle uscite didattiche e delle gite scolastiche, successive al periodo formativo, i ragazzi si sono fatti garanti, al fianco dei professori, dell’eventuale primo soccorso ai compagni di scuola. Durante le uscite didattiche, hanno realizzano dei video clip (in azioni simulate) dove sono state messe in atto le conoscenze acquisite durante la formazione avvenuta nella sede della Croce Verde.

Ogni anno al termine dell’anno scolastico, in accordo con l’amministrazione comunale, la Croce Verde beneficia dell’utilizzo gratuito del teatro Ventidio Basso e i ragazzi della  “Luciani”, si cimentano in uno spettacolo musicale, la popolazione (in particolare i genitori e simpatizzanti  della Croce Verde) è invitata a partecipare ed in quell’occasione alla platea partecipante vengono raccontate le attività svolte mediante la proiezione dei video clip e vengono premiati i ragazzi con una simbolica fascia da capitano realizzata con lo stesso tessuto della divisa dei volontari e “impreziosita” dallo stemma croce verde.

Quest’anno il progetto si è arricchito perché sono stati pianificati e conclusi nello stesso periodo tre ulteriori progetti (con la collaborazione di Hsfe Scuola di diabete) ovvero: “Senti un po‘”, screening di valutazione dell’ipoacusia nei bambini delle terze e quarte elementari; “Scuola di diabete” screening per la eventuale predisposizione al diabete dei bambini,Orsò, formazione alle manovre di rianimazione cardiopolmonare.

Il progetto Orsò è andato oltre la formazione dei ragazzi: infatti dei 70 ragazzi della terza media che sono stati coinvolti, 15 di loro  sono stati ulteriormente coinvolti in un percorso trainer nel quale sono state spiegate le basilari tecniche di docenza e nella giornata del 6 aprile presso il centro commerciale OASI hanno insegnanto le tecniche di rianimazione cardipolmonare ai clienti del centro commerciale che quella domenica si sono recati all’ipermercato per acquisti.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 360 volte, 1 oggi)