ASCOLI PICENO –  Dopo mesi, si arriva ad un gesto eclatante. 5 operai dello stabilimento PlaLam di Ascoli sono saliti sulla torre e sul tetto dello stabilimento, in segno di protesta contro la famiglia Robbiati, proprietaria dell’azienda.

Già da mesi, i lavoratori sono in sciopero contro la decisione di chiusura dell’azienda che opera nel settore della lavorazione di lamiere, da molto tempo attiva nella zona industriale di Ascoli, ma anche essa, pare colpita da problemi finanziari dovuti alla crisi.

Sul posto sono intervenuti la Digos, i Carabinieri, i Vigili del Fuoco e le ambulanze. I lavoratori sono stati poi ricevuti dal prefetto di Ascoli, Graziella Patrizi e successivamente anche dal Sindaco Guido Castelli, rientrato dalla Capitale.

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 582 volte, 1 oggi)