Pubblichiamo una nota di Area Vasta 5

“Nel corso di questi ultimi mesi si è sviluppato un nuovo clima all’interno dell’Area Vasta 5 che ha uno dei suoi elementi di maggiore rilievo nel ripristino della piena funzionalità del livello Dipartimentale. Il Dipartimento rappresenta il fulcro reale dell’organizzazione sanitaria: una sede di confronto importante tra le diverse Unità Operative e Servizi. Nelle regolari riunioni dei Comitati dei Dipartimenti si è sviluppata una progettazione trasversale alle due strutture ospedaliere in una visione basata sui percorsi dei pazienti e non più sui livelli organizzativi.

Inoltre, la centralità riconosciuta dalla Direzione di Area Vasta 5 al Collegio di Direzione ha consentito una piena conoscenza, partecipazione e corresponsabilizzazione del mondo professionale alle scelte strategiche. Questo rappresenta sicuramente un elemento di merito nell’impostazione della Direzione di Area Vasta ed un valore aggiunto alla stessa.

In quella sede è stata elaborata la strategia relativa agli investimenti, basata su una condivisione delle priorità e sull’analisi tecnica svolta da una commissione HTA, costituita per la prima volta proprio in questa Area Vasta, come pure le misure operative nella gestione del personale. Senza tali elementi sarebbe stato davvero difficile garantire l’efficacia dei diversi processi di integrazione in essere , processi che di fatto interessano l’intera organizzazione sanitaria, e che richiedono una reale cambio di paradigma da parte di tutti gli operatori.

Nei prossimi mesi si completerà il processo di riorganizzazione aziendale con l’assegnazione degli incarichi relativi alle Unità Operative Semplici, per la parte dirigenziale, e di quelli relativi ai coordinamenti e alle posizioni organizzative, per il personale del comparto. Questo completerà la strutturazione della ossatura organizzativa dell’Area Vasta consentendo la piena messa a regime dell’organizzazione.

In questa Area Vasta si sta inoltre per realizzare nel prossimo mese di settembre l’operatività della PET, con il rilevantissimo riflesso sui percorsi oncologici, nonché il completamento dei lavori nel Blocco Operatorio del Mazzoni, con inaugurazione nella prossima primavera.

Naturalmente tale processo si è realizzato in stretta relazione con l’attività della Giunta Regionale e rappresenta una concreta maturazione del progetto di integrazione nell’Ospedale Unico.”

 

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 442 volte, 1 oggi)