ASCOLI PICENO -Il Movimento 5 Stelle interviene sull’incidente aereo di ieri pomeriggio.

In una nota, i consiglieri comunali, Massimo Tamburri e Giacomo Manni commentano:” Mentre incessanti gli elicotteri attraversano la Città, alla disperata ricerca di piloti superstiti, ci troviamo ancora una volta a ringraziare il cielo, e, forse, anche l’abnegazione di servitori dello Stato, per lo scampato pericolo.

Ma certi pericoli andrebbero evitati prima.

Accade anche per le questioni ambientali e in generale per tutto quello che riguarda la protezione civile: l’assenza di scrupoli e di pianificazione lascia la salute e la sicurezza dei Cittadini in balia del fato. E solo in occasione di un disastro ci si accorge di errori e omissioni. Troppo tardi.

Il Movimento 5 Stelle Ascoli Piceno considera inconcepibile l’idea di fare esercitazioni con cacciabombardieri sopra zone popolate e meravigliosi centri storici. Detto questo, gli interrogativi sono molti.

Gli aerei militari sono passati radenti sopra migliaia di abitazioni, decine di migliaia di Cittadini, mettendo a rischio vite umane e un patrimonio storico e architettonico di valore inestimabile… perché? Il volo a bassa quota, tecnicamente pericoloso, era parte dell’esercitazione? Conseguenza di un’avaria? (Ma di entrambi gli aerei in contemporanea?!?) O è successo qualcos’altro?

E poi: quella dei cacciabombardieri sopra Ascoli è una presenza costante o si è trattato di un evento occasionale? L’amministrazione locale, il sindaco di Ascoli, in quanto responsabile della salute dei Cittadini, sono al corrente di quanto avviene? Pensano di accettarlo senza battere ciglio?

Per finire: che tipo di equipaggiamento era in dotazione agli aerei? Ci sono sostanze inquinanti che mettono a rischio l’ambiente e la salute dei Cittadini? Chi pagherà i danni umani e ambientali causati da questo evento?

I consiglieri e i parlamentari del Movimento 5 Stelle si stanno già adoperando per chiedere spiegazioni al Presidente del Consiglio e al ministro competente. Il sindaco di Ascoli, oltre a ringraziare il patrono della Città, si è a sua volta attivato per chiedere spiegazioni alle autorità competenti su quanto accaduto? Chiediamo un Consiglio comunale urgente e aperto a tutta la cittadinanza per chiarire la questione.

Occorrono risposte, serie e urgenti, e un chiaro, tassativo, divieto per evitare il ripetersi di tragedie simili o peggiori. Altrimenti il già incrinato rapporto tra Cittadini e istituzioni subirà un ulteriore, terribile, danno.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 541 volte, 1 oggi)