Pubblichiamo una nota del Consorzio Universitario Piceno

“Desideriamo sottolineare che nell’articolo apparso il 28 agosto 2014 su “Il Corriere Adriatico”, “Società partecipate, la scure di Cottarelli ” è stato riportato che i bilanci del Consorzio Universitario Piceno  risultano “non disponibili” come ha segnalato lo staff del team di Cottarelli (così come per oltre mille partecipate in tutta Italia). Ad onor del vero, correttamente il giornalista ha riportato che i bilanci del CUP non sono nella disponibilità del Commissario. LA CIRCOSTANZA È DAVVERO SORPRENDENTE PERCHÈ il Consorzio da anni segue scrupolosamente le norme in materia di trasparenza degli atti nella pubblica amministrazione con un’apposita sezione sul proprio sito Internet (www.cup.ap.it) e che, sempre da anni, invia tutti i propri bilanci di previsione e consuntivi a tutti i suoi soci, prima per raccomandate A/R, ed oggi, per posta elettronica certificata così come prescrivono le norme sul controllo analogo per gli Enti che rientrano nell’alveo del D.lgs 267/00.

NESSUNA RICHIESTA DIRETTA DI INVIO DI BILANCI È PERVENUTA AL CUP DA PARTE DEL COMMISSARIO ALLA SPENDING REVIEW. Inoltre, riteniamo importante segnalare che il Consorzio Universitario Piceno negli ultimi 10 anni ha approvato sempre bilanci consuntivi in avanzo provvedendo spesso a ridistribuire agli enti soci contributi per il miglioramento del sistema universitario in tutto il Piceno e che tutti gli amministratori dell’ente, già dal D.L. 78/10 non percepiscono alcun emolumento. Quest’anno, ad esempio, a seguito dell’approvazione del consuntivo 2013, sono stati destinati 50.000 euro al Comune di Ascoli Piceno per l’adeguamento del parco delle Rimembranze per la sistemazione della zona verde adiacente al Convento dell’Annunziata quale servizio alla Scuola di Architettura e Design dell’università di Camerino e ai tutti i fruitori nell’intero parco.”

Copyright © 2017 Riviera Oggi, riproduzione riservata.
(Letto 190 volte, 1 oggi)